Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sviluppo tecno-scientifico e riflessione bioetica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 natura diversa, ovvero extrascientifiche» 6 . È evidente da queste battute che per lo scienziato tutto ciò che non goda dell’attributo di scientifico sia eo ipso ideologico. Lasciando da parte, per ora, la questione relativa al valore che si vuol riconoscere all’ideologia, si deve però rilevare quale idea di scienza emerge da questa concezione: essa esprime il convincimento che ci sia un’assoluta impermeabilità tra ciò che viene considerato scientifico e tutte le altre forme di conoscenza e di sapere. Sulla scorta di quanto detto sin d’ora, appare chiaro che una corretta valutazione del fenomeno biotecnologico deve essere compiuta sull’estensione semantica che implica il termine tecnologia. Ricalibrare la suddetta estensione significa anzitutto riconoscere l’interconnessione tra scienza e tecnica nei termini di reciproca immanenza. Non è più possibile oggi sostenere una posizione che predichi l’indipendenza dell’una dall’altra, infatti non c’è disciplina sperimentale che non si avvalga di una qualche tecnica per l’osservazione dei fenomeni che studia, così come non esiste alcuna tecnica che non sia stata pensata sulla scorta delle nuove acquisizioni scientifiche 7 . Questo rilievo assume particolare importanza ai fini di una valutazione del fenomeno scientifico. Se, infatti, la scientificità di una disciplina è data dal metodo di cui questa si avvale, e dalla considerazione precedente si è ricavato che la tecnologia è indispensabile alla rilevazione dei fenomeni che la scienza studia, dobbiamo allora concludere che la tecnologia non è una possibilità della scienza contemporanea, bensì ne è il tratto caratterizzante. L’oggettività invocata dalla scienza, quale proprio tratto specifico, viene ottenuta grazie alla mediazione tecnologica, che a questo punto diviene parte integrante del processo scientifico, almeno a livello metodologico. 6 Ibidem, p. 204. 7 Cfr. Hans Jonas, Tecnica medicina ed etica, Einaudi, Torino 1997, pp.16-8.

Anteprima della Tesi di Giampaolo Ghilardi

Anteprima della tesi: Sviluppo tecno-scientifico e riflessione bioetica, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giampaolo Ghilardi Contatta »

Composta da 189 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5338 click dal 01/12/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.