Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sviluppo tecno-scientifico e riflessione bioetica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 legittimità dell’azione stessa. Ci sarebbe un indebito passaggio dal piano descrittivo a quello normativo. A questo punto vanno fatte delle precisazioni: se, infatti, non è contestabile che l’uomo da sempre abbia coltivato la terra e selezionato il bestiame secondo l’utilità che ne avrebbe potuto derivare, non si può però considerare questo tipo di interventi “biotecnologici”. L’agricoltura e l’allevamento sono in sé tecniche, o se si vuole bio-tecniche in quanto applicate ai fenomeni vitali nell’ordine dei vegetali e degli animali. Per poter parlare di biotecnologie si deve prima specificare la tecnologia dalla tecnica di cui è figlia. Ciò che distingue la conoscenza tecnica dalla scienza in generale potrebbe essere sintetizzato nel diverso interrogativo che si pongono le discipline: se la scienza in quanto tale si chiede il “perché” del fenomeno, la tecnica si interroga sul “come” dello stesso. Da questa prospettiva la tecnica può essere considerata, come sostiene Agazzi: «un accumulazione di procedure operative, utili dal punto di vista pratico al conseguimento di fini particolari; esse costituiscono un sapere come si fanno certe cose, senza implicare il sapere perché si fanno così» 3 . Lo specifico della tecnologia rispetto alla tecnica sarebbe invece la conoscenza del perché la tale tecnica è efficace. La dimensione tecnologica, dunque, è quella «per cui si giunge ad un operare efficace che conosce le ragioni della propria efficacia e su di esse si fonda» 4 . Come si vede qui il tratto che caratterizza questo piano è il retroterra teorico che ne spiega la validità. Queste considerazioni non vogliono però escludere la tecnica in quanto tale dal sapere. Si riconosce, infatti, una diversa finalità del sapere tecnico che è orientato all’ambito della prassi, ma non per questo ne viene negato lo statuto conoscitivo; 3 E. Agazzi, Il bene il male e la scienza, Rusconi, Milano 1992, pp. 75. 4 Ibidem, p. 77.

Anteprima della Tesi di Giampaolo Ghilardi

Anteprima della tesi: Sviluppo tecno-scientifico e riflessione bioetica, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giampaolo Ghilardi Contatta »

Composta da 189 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5338 click dal 01/12/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.