Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modello giapponese e produzione snella: sviluppi ed applicazioni nell'industria automobilistica occidentale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 1.3 Favorevoli ed oppositori Nell’ampio ventaglio di orientamenti riscontrabili all’interno del dibattito, Bonazzi (1993b) usando come categoria interpretativa principale il modo di porsi nei confronti del problema dei costi umani, classifica tre generi di posizioni. La prima è quella dei favorevoli, nella quale distingue a sua volta tra gli “apologeti puri”, quelli per i quali il lavoro umano ricava solo il beneficio di diventare più intelligente, e i “difensori realisti”, colori i quali ritengono che il lavoro diventa sì più intelligente, ma anche più duro e impegnativo. Gli “apologeti puri” affermano che un principio fondamentale del modello è l’utilizzo di tutte le capacità umane. Nell’impegno a compiere sempre meglio il proprio lavoro essi vedono il rispetto della dignità umana, la fonte dell’autostima e il senso di appartenenza a una comunità. Sono principi che essi riscontrano in pratiche come il decentramento delle responsabilità a livelli esecutivi, l’appiattimento della gerarchia, il superamento della divisione tayloristica del lavoro, pratiche che favorirebbero il coinvolgimento intelligente dei lavoratori e l’alto grado di autorealizzazione. Vengono addotti anche altri argomenti quali quelli della fusione tra necessità dell’impresa e desideri dei lavoratori (Bergmann 1983, Muramatsu et. al. 1987, Monden 1983). I “difensori realisti” non mancano invece di mettere in luce l’incremento stress psicofisico per i lavoratori, perché non appena riescono a risolvere un problema posto dalla riduzione delle scorte, subito la direzione elimina altre scorte. E’ quello che Parker e Slaughter (1988) hanno definito management by blame and stress. In questa prospettiva il confine tra coinvolgimento e sfruttamento tende a farsi molto sottile.

Anteprima della Tesi di Francesco Scardicchio

Anteprima della tesi: Modello giapponese e produzione snella: sviluppi ed applicazioni nell'industria automobilistica occidentale, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Scardicchio Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 17598 click dal 30/11/2004.

 

Consultata integralmente 40 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.