Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modello giapponese e produzione snella: sviluppi ed applicazioni nell'industria automobilistica occidentale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 3) La partecipazione dei fornitori. Le imprese ispirate al modello giapponese seguono una politica di fornitura opposta a quella delle imprese fordiste tradizionali: non scelgono i fornitori in base ai costi delle singole commesse, ma li selezionano accuratamente in base alla capacità di collaborare con l’impresa madre in piani di lungo termine. Questi piani vanno dalla progettazione dei componenti fino al loro costante miglioramento nel corso degli anni. L’impresa madre favorisce la collaborazione tra i fornitori attraverso il loro raggruppamento in grappoli di sub-fornitori, che consenta un interscambio di informazioni e aiuti. Le aziende fornitrici tendono a localizzarsi a breve distanza dall’azienda madre in modo di garantire rapide e frequenti consegne di materiale in conformità alle prescrizioni del JIT, e creando una fitta rete cooperativa basata su rapporti di fiducia e di reciproca trasparenza e su contratti di lungo periodo. 4) La ricerca della Qualità Totale Diversamente dalle tradizionali imprese fordiste, il modello giapponese non affronta la qualità come un problema separato dalla quantità produttiva, ma la assume invece come una caratteristica obbligatoria e gratuita dei prodotti, e tutto il processo produttivo è organizzato in modo da progredire costantemente verso l’obiettivo ideale dello zero difetti. La ricerca della Qualità Totale è presente lungo tutto il processo lavorativo: dalla ideazione del prodotto, alla scelta del materiale, alla costruzione, alla consegna. Il processo lavorativo deve incoroporare dei meccanismi di autocorrezione, in modo che i prodotti arrivino alla fine della linea già garantiti sul piano della qualità, così da rendere meno importante la revisione e il controllo. L’utilizzo dell’autonomazione lungo tutta la linea diminuisce progressivamente la necessità di interrompere il flusso per eliminare i difetti, dato che non si presentano più. Collegare la qualità all’essenzialità è il modo con cui l’azienda giapponese cerca di

Anteprima della Tesi di Francesco Scardicchio

Anteprima della tesi: Modello giapponese e produzione snella: sviluppi ed applicazioni nell'industria automobilistica occidentale, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Scardicchio Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 17598 click dal 30/11/2004.

 

Consultata integralmente 40 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.