Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I ''programmi integrati d'intervento'' come strumento di riqualificazione urbana

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 Lo studio che segue tratta ampiamente i PII, come prima tipologia di programmi complessi “a regime” entrati strutturalmente nel quadro legislativo nazionale, dalle cui caratteristiche si sono sviluppate le successive tipologie di programmi nazionali e regionali. 1.3. Dai piani di recupero ai Programmi integrati La descrizione fino ad ora fornita dei PII, ha posto in evidenza le generiche diversità con gli strumenti urbanistici presenti a tutto il 1992. Particolare attenzione vorrei porre in questo paragrafo allo strumento del Piano di Recupero, che per le finalità ed intenzioni sembra condividere numerosi aspetti con i programmi nati dalla 179/92. Dal Piano di recupero della legge 457/1978, al Programma integrato molte cose erano cambiate. Come si è già accennato, si era certamente accresciuto il degrado, soprattutto in assenza di interventi significativi e continuativi di manutenzione, ma erano modificati anche i contesti sociali, le strutture amministrative pubbliche centrali e locali e, in particolare, le condizioni generali dell'economia del Paese. Il Piano di recupero nasce dopo un lungo dibattito sul riuso del patrimonio edilizio esistente, in particolare di quello abitativo, con l'obiettivo di far confluire in questo settore un consistente volume di investimenti pubblici e privati, sia per qualificare socialmente la politica pubblica relativa alle abitazioni che per cominciare a contenere le espansioni incontrollate delle città, portatrici di costi e di squilibri. Tale piano si riferisce a particolari aree urbane stabilite dai Comuni che in genere coincidono o sono localizzate all'interno delle zone "A" di PRG (centro storico). Lo strumento, di norma è predisposto dal Comune, che attraverso questo utilizza anche i finanziamenti assegnatigli dalle Regioni, avvia il recupero dell'edilizia residenziale di proprietà pubblica e, limitatamente ai casi di rilevante e preminente interesse pubblico, il recupero residenziale di immobili degradati di proprietà privata attraverso esproprio o convenzionamento con i proprietari. Ma anche i privati possono proporre Piani di recupero purché i richiedenti rappresentino il 75% del valore degli immobili interessati e siano disposti a sottoscrivere, all'unisono, con il Comune una convenzione urbanistica 6 . Gli esiti di questi piani, tranne alcune eccezioni, sono stati deludenti rispetto alle aspettative. In sostanza, non hanno dato risposta alle principali motivazioni per cui erano stati avviati: frenare il degrado e circoscrivere la crescita tumultuosa delle periferie urbane. Le aree di piano erano troppo circoscritte; l'intervento pubblico non è stato in grado di coinvolgere adeguatamente quello privato, stimolato soltanto in misura minima dalle agevolazioni creditizie gestite dalle Regioni; la promozione attiva dei privati non ha dato adito a operazioni 6 G. Nigro, G. Tamburini, Recupero e pianificazione urbana, La Nuova Italia Scientifica, Roma 1989.

Anteprima della Tesi di Orfeo Zaffiri

Anteprima della tesi: I ''programmi integrati d'intervento'' come strumento di riqualificazione urbana, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Architettura

Autore: Orfeo Zaffiri Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 27590 click dal 30/11/2004.

 

Consultata integralmente 30 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.