Skip to content

I ''programmi integrati d'intervento'' come strumento di riqualificazione urbana

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
12 Oggi, ad oltre dieci anni dall’introduzione nell’ordinamento urbanistico dell’istituto del programma integrato d’intervento, nuove e più evolute generazioni di strumenti urbanistici flessibili, basati sull’incontro delle volontà pubblico – private, hanno accresciuto la “famiglia” dei programmi complessi. Dal punto di vista legislativo, la legge 179 del 1992 ha avuto un effetto dirompente nel preesistente sistema di pianificazione urbanistica, proponendo un nuovo strumento urbanistico, capace di localizzarsi (praticamente) ovunque sul territorio comunale, porsi in deroga alla disciplina di piano vigente, comportare modificazioni rilevanti sul tradizionale sistema della divisione in zone del PRG e sulla loro destinazione rigidamente funzionale. L’introduzione del PII, ha impresso un’accelerazione notevole alle tecniche giuridiche del pianificare che hanno subito modificazioni consistenti ed impensabili fino a pochi anni fa. Infatti, da questo primo strumento si sono sperimentati e poi affiancati altri programmi con caratteristiche diverse e complementari allo stesso tempo: i programmi di riconversione urbana o quelli di recupero urbano infatti, fino ai più recenti PRUSST non sono altro che modalità diverse di esercizio delle funzioni urbanistiche che si differenziando dal modello originario per una più ricca declinazione degli attori pubblici o per una differente soglia d’intervento di tipo superlocale. Il rapido consenso acquisito da questi strumenti ne ha in poco tempo fatto maturare potenzialità inizialmente appena delineate, al punto da fare assumere loro, nelle più recenti evoluzioni della legislazione regionale, contenuti e caratteristiche di "strumenti urbanistici" di tipo attuativo, dotati di un'operatività alternativa a quella della pianificazione tradizionale. Apporto di risorse pubbliche e private, capacità di produrre progetti mirati alla città o diretti a porzioni specifiche del territorio, presenza di più funzioni e di opere di urbanizzazione legate alla concentrazione territoriale degli interventi, procedure accelerate, sono questi i motivi che ne hanno determinato il crescente successo, in un lasso di tempo relativamente breve. Ne sono testimonianza le numerose denominazioni oggi in uso presso gli addetti ai lavori: PII, PRU, POI (liguri), PRIU, Contratti di quartiere, URBAN I, URBAN II e URBAN ITALIA, PRUSST ecc. e il riconoscimento di questi programmi complessi ormai presenti in tutte le legislazioni di settore a livello regionale. Non secondaria infine, l’illuminante esperienza di alcuni Paesi europei che hanno frequentemente applicato tali strumenti nel tentativo di risolvere i problemi dei “quartieri in difficoltà” 5 e delle realtà urbane, soprattutto di quelle di dimensioni contenute, in condizioni di crisi economica. 5 Cfr., ad esempio, l’esperienza dei “grandi progetti urbani” (Gpu) in Francia, considerati come lo stadio superiore dell’intervento dello Stato (cfr. C. Chaline, Les politiques de la ville, Que-sais-je?, Puf, Paris 1977.
Anteprima della tesi: I ''programmi integrati d'intervento'' come strumento di riqualificazione urbana, Pagina 9

Preview dalla tesi:

I ''programmi integrati d'intervento'' come strumento di riqualificazione urbana

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Orfeo Zaffiri
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Paolo Urbani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 155

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

complessi urbanistici
consensuale
intervento riqualificazione
legge 179/1992
nuovo piano reglatore
partecipata
programma integrato intervento
programmi riqualificazione urbanistica
urbanistica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi