Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Università di Bologna ed handicap: chi studia valuta i servizi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

20 1.3 LA LEGISLAZIONE SULL’INTEGRAZIONE UNIVERSITARIA Il diritto allo studio della persona con deficit è garantito dalla legge n. 104/’92: essa assicura il suo inserimento e la sua integrazione sociale; in particolare, l’articolo 8, lettera d prevede: “d) provvedimenti che rendano effettivi il diritto all'informazione e il diritto allo studio della persona handicappata, con particolare riferimento alle dotazioni didattiche e tecniche, ai programmi, a linguaggi specializzati, alle prove di valutazione e alla disponibilità di personale appositamente qualificato, docente e non docente”. Mentre l’articolo n. 14, comma 1 stabilisce che il Ministro della Pubblica Istruzione provveda: “a) all'attivazione di forme sistematiche di orientamento, particolarmente qualificate per la persona handicappata, con inizio almeno dalla prima classe della scuola secondaria di primo grado. …c) a garantire la continuità educativa fra i diversi gradi di scuola, prevedendo forme obbligatorie di consultazione tra insegnanti del ciclo inferiore e del ciclo superiore ed il massimo sviluppo dell'esperienza scolastica della persona handicappata in tutti gli ordini e gradi di scuola, consentendo il completamento della scuola dell'obbligo anche sino al compimento del diciottesimo anno di età; nell'interesse dell'alunno, con deliberazione del collegio dei docenti, sentiti gli specialisti di cui all'articolo 4, secondo comma, lettera l), del decreto del Presidente della Repubblica 31 maggio 1974, n. 416 , su proposta del consiglio di classe o di interclasse, può essere consentita una terza ripetenza in singole classi”. In particolare l’art. n. 16, comma 5 della suddetta legge prevede per gli studenti universitari un supporto nel superamento degli esami universitari, anche attraverso accordi col docente della materia e, se necessario, con il Consiglio di Facoltà.

Anteprima della Tesi di Renata Piccolo

Anteprima della tesi: Università di Bologna ed handicap: chi studia valuta i servizi, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Renata Piccolo Contatta »

Composta da 231 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2284 click dal 01/12/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.