Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Università di Bologna ed handicap: chi studia valuta i servizi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 tipologia del deficit, analizzare le loro esigenze ed i servizi offerti 3 . Sinora l’ISTAT si è interessato di quantificare totalmente i soggetti disabili presenti in Italia e di classificarli in base al sesso e alle fasce d’età d’appartenenza; una categoria a parte è rappresentata dai soggetti con Sindrome di Down. L’importanza che viene data alle conoscenze statistiche è dovuta al fatto che solo conoscendo bene la realtà è possibile intervenire su questa programmando adeguatamente le risorse a disposizione. Sulla base dei dati ISTAT 4 rilevati nel 1994, è possibile affermare che le persone disabili sono 2.677.000 –pari al 5% della popolazione- di cui 900.000 hanno un deficit grave; tra loro 2.362.000 vivono presso le famiglie di appartenenza e 750.000 di queste hanno un deficit grave. La maggior parte di costoro è affetta da deficit motorio (900.000 persone), seguita da persone sorde (590.000), da disabili mentali (309.000), da non vedenti (370.000) e da sordomuti (45.000); inoltre la maggioranza di tali persone è rappresentata da anziani i quali, a loro volta, sono prevalentemente donne. Bisogna poi ricordare coloro che sono affetti da malattie invalidanti, quali l’epilessia o l’Alzheimer. L’analisi statistica può proseguire esaminando la presenza delle persone disabili nelle diverse zone d’Italia: si osserva un tasso di disabilità del 6% nell’Italia insulare e del 5,2% nell’Italia Meridionale, mentre esso scende al 4,4% nell’Italia Nord-Orientale e al 4,3% nell’Italia Nord-Occidentale; nell’Italia Centrale si ha un tasso di disabilità del 4,8%. La stessa struttura geografica si osserva per gli uomini e per le donne. Le ultime ricerche a disposizione, svolte nel 2001 su tutto il territorio italiano, rilevano un numero di persone disabili pari a 2.824.000, di cui 96.0000 maschi e 1.864.000 femmine; queste ultime vengono maggiormente colpite da disabilità in quanto hanno una longevità maggiore. 3 Intervento di C. Hanau durante la 1° Conferenza Regionale sulle Politiche dell’Handicap organizzato dalla Regione Emilia Romagna in collaborazione con ASPHI. 4 www.handicapincifre.it

Anteprima della Tesi di Renata Piccolo

Anteprima della tesi: Università di Bologna ed handicap: chi studia valuta i servizi, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Renata Piccolo Contatta »

Composta da 231 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2284 click dal 01/12/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.