Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le risorse assortimento-spazio-servizi nell'economia delle aziende di distribuzione commerciale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 L’offerta commerciale: assortimento e servizi 13 2. Come si costituisce l’assortimento All’interno dell’ampio e diversificato mix di servizi commerciali, quello relativo alla composizione e gestione dell’assortimento continua ad essere, anche nella distribuzione moderna, l’ambito decisionale più critico per l’impresa e la leva fondamentale per instaurare il dialogo con la clientela. Il distributore deve cercare di interpretare le necessità del suo mercato di sbocco per effettuare la scelta dei prodotti che assicurino la redditività, la costruzione del vantaggio competitivo e il successo della superficie di vendita. La politica di assortimento (e quindi d’acquisto) non e’ mai definitiva e la sua complessità si è accresciuta per l’aumento del numero di prodotti e poiché la domanda evolve nel corso del tempo. Il nucleo centrale del servizio è rappresentato dalla disponibilità dei prodotti, in un dato luogo e in un determinato momento, per cui la definizione dell’assortimento avviene dal punto di vista qualitativo e quantitativo 3 . Nel primo caso si definisce in relazione alla varietà e qualità intrinseca dei prodotti commercializzati. Nel secondo caso l’assortimento è caratterizzato da tre dimensioni: ampiezza, profondità e coerenza e presenta delle evidenti relazioni con le scelte strategiche di fondo dell’impresa commerciale, in particolare con la segmentazione, il posizionamento, l’immagine e la localizzazione. L’ampiezza si misura con riferimento al numero di linee merceologiche trattate, quindi il numero di famiglie di bisogni soddisfatti, mentre la profondità e’ data dal numero di “varianti” di ciascuna linea (versioni di prodotto, marche, modelli, taglie, colori, ecc.), ovvero referenze che rispondono a bisogni via via più specifici. 3 Baccarani C., (1993), Impresa commerciale e sistema distributivo, Torino, GIAPPICHELLI EDITORE.

Anteprima della Tesi di Fabio Petrone

Anteprima della tesi: Le risorse assortimento-spazio-servizi nell'economia delle aziende di distribuzione commerciale, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Fabio Petrone Contatta »

Composta da 235 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2406 click dal 02/12/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.