Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Elementi postcoloniali e postmoderni nell'opera di Salman Rushdie e Hanif Kureishi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 lasciando emergere atteggiamenti critici sia verso l’imperialismo occidentale sia nei confronti dei tratti discriminatori che le culture indiana e pakistana mostrano verso le donne e gli omosessuali, oppure verso il fanatismo religioso e l’intolleranza 6 . Kureishi e Rushdie propongono uno sguardo critico che evidenzia la precarietà della costruzione ideologica della Englishness fermamente inseguita da Enoch Powell e da Margaret Thatcher e il National Front e si schierano contro il tentativo di sottrarsi alla contaminazione multiculturale, sottolineando invece la necessità di accettare i cambiamenti sociali e culturali successivi alla decolonizzazione e al riconoscimento delle minoranze interne ed esterne all’etnia bianca 7 . Lo stesso Kureishi afferma in The Rainbow Sign(1986): It is the British, the white British who have to learn that being British isn’t what it was. Now it is a more complex thing, involving new elements. So there must be a fresh way of seeing Britain and the choices it faces: and a new way of being British after all this time. Much through, discussion and self-examination must go into seeing the necessity for this, what this “new way of being British” involves and how difficult it might be to attain. 8 Le opere di Rushdie celebrano “la complessità della globalizzazione culturale” 9 e le problematiche postcoloniali, presentando personaggi immigrati, che nel paese ospitante devono superare problemi quali l’emarginazione, il rifiuto razzista, l’acculturazione e i pregiudizi occidentali sull’oriente e i suoi abitanti. The Buddha of Suburbia e The Black Album di Kureishi, invece, trattano della multietnicità culturale contemporanea ponendo il problema della convivenza di gruppi etnici di origini e lingue diverse, ma accomunati da una presente appartenenza British. 6 Alessandra Marzola, Englishness. Percorsi nella cultura britannica del Novecento, cit., p. 309 7 Cfr. Ibid. 8 Hanif Kureishi, “The Rainbow Sign” in My Beautiful Laundrette, London, Faber and Faber, 1996, pp. 101-102 9 Alessandra Marzola, Englishness. Percorsi nella cultura britannica del Novecento, cit., p. 316

Anteprima della Tesi di Elisa Congiu

Anteprima della tesi: Elementi postcoloniali e postmoderni nell'opera di Salman Rushdie e Hanif Kureishi, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Elisa Congiu Contatta »

Composta da 218 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6299 click dal 03/12/2004.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.