Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Confronto tra il vulcanismo del pianeta Marte e il vulcanismo terrestre con particolare riferimento alla Provincia Comagmatica Romana

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 Flusso di calore e altezza topografica del fondo variano sistematicamente allontanandosi dalle dorsali e diminuiscono proporzionalmente alla radice quadrata della età; ciò è consistente con un modello di litosfera che si ispessisce per raffreddamento allontanandosi dalle zone di risalita astenosferica. Le dorsali, pur costituendo una fascia praticamente continua su tutta la Terra, sono tuttavia nel dettaglio discontinue, essendo interrotte da grandi lineamenti trasversali detti zone di frattura (Menard & Atwater, 1968). L'ultima configurazione geometrica dei confini tra placche imposta dalla loro cinematica, è quella convergente. In essa una placca litosferica affonda sotto l'altra attraverso il processo di subduzione. La subduzione è accompagnata da numerosi fenomeni geofisici, ignei, metamorfici, tettonici, la cui disposizione spaziale permette di definire anche in superficie la polarità del processo. L'approfondimento della litosfera più fredda nell’astenosfera, libera una relativamente grande quantità di energia sismica. La subduzione favorisce la formazione di liquidi silicatici, la cui risalita determina in superficie le catene vulcaniche (archi magmatici) che sono costantemente associate alle zone di sottoscorrimento litosferico. Le zone di risalita dei magmi ed in generale le intere fasce che formano i margini attivi convergenti, sono caratterizzati da flussi di calore relativamente elevati (in media 1,7 HFU) rispetto a quelli osservati nelle zone lontane dai margini (flusso di calore medio negli scudi stabili 1,0 HFU). Fig.1.3.:Rappresentazione schematica degli elementi fondamentali della configurazione della litosfera secondo la tettonica delle placche. (Da D’Amico et. al., 1991, liev. modificato)

Anteprima della Tesi di Luca Tamburini

Anteprima della tesi: Confronto tra il vulcanismo del pianeta Marte e il vulcanismo terrestre con particolare riferimento alla Provincia Comagmatica Romana, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Luca Tamburini Contatta »

Composta da 246 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1822 click dal 13/12/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.