Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Politica estera del secondo governo Berlusconi ed il suo sostegno a Washington. Il punto di vista della stampa francese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 INTRODUZIONE Ritornato al potere nel giugno 2001, dopo cinque anni dalla formazione del suo primo governo, Silvio Berlusconi ha guidato la Casa delle libertà nella conduzione di una politica estera italiana fortemente condizionata dal nuovo contesto internazionale. I sanguinosi attentati al Word Trade Center di New York ed al Pentagono di Washington dell’11 settembre 2001, pochi mesi dopo la vittoria politica del centro-destra italiano, hanno portato Berlusconi a schierare con convinzione l’Italia al fianco degli Stati Uniti nella lotta da loro intrapresa contro il terrorismo internazionale di matrice islamica. Il vigoroso dibattito politico che ha accompagnato la più controversa delle operazioni militari contro il terrorismo, l’invasione dell’Iraq condotta dalla Coalizione guidata dagli Stati Uniti nel corso della primavera del 2003, ha spinto i Governi di tutto il mondo ad assumere posizioni divergenti rispetto al giudizio sulla liceità e l’ineluttibilità dell’intervento stesso. Soprattutto per gli aspetti connessi al diverso riconoscimento del ruolo dell’Onu nella soluzione della crisi irachena. In questo contesto sono state marcate le distanze che hanno caratterizzato le posizioni dei Paesi Europei, che pure in blocco avavano solidarizzato con gli americani all’indomani degli attentati dell’11 settembre. Di particolare evidenza sono risultate le differenze che hanno segnato la Francia e l’Italia rispetto all’appoggio politico e militare fornito agli Usa nella soluzione della crisi irachena. Il secondo governo Berlusconi ha incontrato nella conduzione della sua azione l’ostilità di una parte della stampa estera. Le più forti segnalazioni critiche, comparse in modo particolare sui giornali francesi, oltre che l’intervento militare in Iraq, hanno riguardato l’impegno assunto dal governo italiano nei confronti del

Anteprima della Tesi di Francesco Bafundi

Anteprima della tesi: La Politica estera del secondo governo Berlusconi ed il suo sostegno a Washington. Il punto di vista della stampa francese, Pagina 1

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Bafundi Contatta »

Composta da 92 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4953 click dal 06/12/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.