Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione di emissioni e consumi in corrispondenza di intersezione a rotatoria. Confronto con il caso dell'impianto semaforico.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

INTRODUZIONE 9 1.3 Metodo. Il metodo utilizzato per la stima degli effetti ambientali legati agli interventi è basato sulla modellizzazione delle intersezioni all’interno del software di microsimulazione Paramics by Sias. In particolare si sono costruiti tanti modelli quanti sono gli scenari da confrontare; per ciascuno si sono registrate, sempre all’interno del software, le grandezze rilevanti ai fini ambientali e infine si è fatto un confronto tra tali grandezze nelle coppie di scenari vecchio-nuovo al fine di trarne le dovute conclusioni. Questo è, in estrema sintesi, il metodo utilizzato nel lavoro; come vedremo, esso si scompone in numerose sottofasi. Ad esempio, nel cap.6 è descritto in dettaglio lo sviluppo del modello di microsimulazione attraverso la costruzione della rete, l’assegnazione della domanda, la calibrazione, la validazione. Esiste un’importante precisazione da fare riguardo al metodo. Dal momento che l’entità delle emissioni e dei consumi dipende dalle caratteristiche cinematiche del moto dei veicoli sull’intersezione (andamento della velocità e dell’accelerazione nel tempo) e dal momento che tali caratteristiche cinematiche dipendono a loro volta dalle caratteristiche dell’intersezione e dalle sue prestazioni (code, tempi di percorrenza, etc), risulta chiaro che la prima fase del lavoro è finalizzata alla costruzione di un modello dell’intersezione il cui funzionamento sia cinematicamente corretto. Questo viene raggiunto nel momento in cui l’affidabilità del modello è elevata e la situazione reale (attuale o futura) è simulata nel modello con un grado di approssimazione accettabile. Da questa prima fase sono stati ricavati dei risultati intermedi, che rappresentano la performance delle intersezioni in termini di code e tempi di percorrenza. Essi sono stati richiesti dalle stesse Pubbliche Amministrazioni di Brescia e di Piacenza, al fine di permettere una valutazione completa degli interventi. Tali risultati intermedi sono stati inoltre confrontati con i risultati finali della valutazione ambientale, al fine di trarne delle correlazioni. A questa prima fase, ne segue una seconda tutta finalizzata alla stima delle emissioni e dei consumi. A tale scopo si è utilizzata la funzionalità incorporata nel software, che calcola queste grandezze sulla base delle caratteristiche cinematiche del moto dei veicoli all’interno del modello. Per attribuire le corrette quantità di emissioni inquinanti e di consumi di carburante in funzione delle caratteristiche del moto (velocità e accelerazione), il software possiede un database di fattori di emissione, costituito da mappe basate su un progetto di ricerca europeo (DRIVE-MODEM, Jost et al.) condotto agli inizi degli anni ’90. Adottando un approccio critico e migliorativo nei confronti degli strumenti e delle informazioni già disponibili e “pronte all’uso”, abbiamo tentato di aggiornare il software con dei fattori di emissioni più recenti e basati su un parco veicolare nostrano. In particolare, abbiamo sviluppato un metodo per sostituire alle mappe predefinite del

Anteprima della Tesi di Andrea Olivieri

Anteprima della tesi: Valutazione di emissioni e consumi in corrispondenza di intersezione a rotatoria. Confronto con il caso dell'impianto semaforico., Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Andrea Olivieri Contatta »

Composta da 186 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1784 click dal 07/12/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.