Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I Poteri della Corona e del Parlamento nel pensiero politico inglese del XVII secolo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 deriva la cosiddetta Dottrina della non resistenza, sorta nel periodo di Enrico VIII; essa presenta evidenti analogie con il pensiero luterano, alla cui base riposava il concetto secondo il quale Dio vieta in qualunque caso di resistere con la forza al magistrato ( intendendo, con questo termine, ogni soggetto che ricopra funzioni di governo ), ordinando al contrario di obbedire sempre ai suoi comandi eccetto quando Dio stesso lo proibisca; va notato come Lutero elaborasse il suo pensiero in un paese, la Germania, che era caratterizzato da “ un confuso insieme di poteri tra i quali intercorrevano relazioni non ben definite” 22 ; al contrario in Inghilterra, come abbiamo ampiamente avuto modo di vedere, si andavano chiaramente delineando le caratteristiche di uno Stato nazionale compiuto; addirittura prima che Enrico VIII coniasse l’espressione “ Questo reame d’Inghilterra è un Impero”, tale sentimento era già attuale nelle coscienze dei sudditi, i quali consideravano il loro Paese come un vero commonwealth che si riconosceva nella Corona come potere supremo. Al riguardo troviamo spesso, negli autori politici di allora, la definizione del re come “vicario“ o “luogotenente“ di Dio; particolarmente calzanti risultano le parole di Gardiner nel De vera obedientia, secondo cui “ il re, sebbene infedele, rappresenta comunque l’immagine di Dio sulla terra “, o quelle dell’arcivescovo Cranmer il quale, nel Sermon Against Disobedience del 1549, afferma che “ sebbene i magistrati si dimostrino malvagi e tiranni, comunque occorre obbedir loro “ o, ancora, quelle contenute nel First Sermon Against Disobedience del 1571, nel quale si afferma che “chi disobbedisce o si ribella ai propri prìncipi, disobbedisce a Dio, procurandosi la 22 Cfr. J.W. Allen, A History of political thought in the Sixteenth century, cit. pag. 125.

Anteprima della Tesi di Gianluca Tosco

Anteprima della tesi: I Poteri della Corona e del Parlamento nel pensiero politico inglese del XVII secolo, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Gianluca Tosco Contatta »

Composta da 187 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2742 click dal 07/12/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.