Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Osservazioni sul fenomeno dell’immigrazione in Spagna, con riferimento al periodo 1992-2002

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 una dimensione istituzionale e ufficiale, come quella statistico-legisaltiva ad un confronto più diretto con la realtà attraverso la descrizione delle regola- -rizzazioni e degli aspetti sociali più salienti. Infine nel quarto capitolo si descrivono i rapporti tra la Spagna e l’Unione Europea in ambito di politiche migratorie, mettendo in evidenza ancora una volta compromessi frutto di una politica dell’equilibrio. Prima del periodo preso in analisi, il paese iberico non è estraneo a problematiche riguardanti le minoranze etniche. L’espressione più significativa del fenomeno è la presenza del gruppo dei gitani.Il numero stimato delle persone che compongono questa etnia varia dalle 300.000 alle 900.000 (1998), la metà di loro vive in Andalusia ed Extremadura dedicandosi fondamentalmente alla vendita e al commercio ambulante e sia per impatto sociale che per cultura e presenza vengono definiti come “el verdadero otro de los españoles ” ( Cachón 97) Forse è utile per una migliore comprensione degli odierni flussi migratori in Spagna delineare quelli passati. Soprattutto nel XIX secolo, ma si potrebbe affermare dalla scoperta dell’America, 4 si configura come un paese d’origine e non di meta del viaggio migratorio. Nel periodo compreso tra il 1850 e il 1950, lasciano la Spagna diretti verso le Americhe per migliorare le proprie condizioni di vita con la ricerca di un lavoro, tre milioni e mezzo di spagnoli provenienti principalmente da tre regioni: Galizia, Asturie e Canarie. L’Argentina riceve più di mezzo milione di questi immigranti mentre gli altri si dirigono in Uruguay, Brasile e Cuba. Meno conosciuto è il fenomeno dell’emigrazione spagnola nel Nord Africa, che trova la sua origine in regioni come Murcia e Baleari.Negli ultimi anni del secolo XIX 94.000 emigranti scelgono l’Algeria come meta del viaggio

Anteprima della Tesi di Marco Rapini

Anteprima della tesi: Osservazioni sul fenomeno dell’immigrazione in Spagna, con riferimento al periodo 1992-2002, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Marco Rapini Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5060 click dal 07/12/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.