Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Osservazioni sul fenomeno dell’immigrazione in Spagna, con riferimento al periodo 1992-2002

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 migratorio. Questa corrente si dirige verso il Marocco dopo che è stato stabilito il protettorato spagnolo nel paese tra 1916 e il 1919. In questo periodo si contabilizzano 85.000 spagnoli, se si tiene conto dei residenti di Ceuta, Melilla e Tangeri. Due sono i cambiamenti radicali nei flussi migratori della Spagna nel XX secolo. In primo luogo si registra una drastica virata nelle mete degli immigranti spagnoli. Infatti nell’arco di un secolo in cui circa sei milioni di spagnoli abbandonano il proprio paese di origine, l’80 % sceglie la meta delle Americhe (in particolare fino agli anni ‘30 del ventesimo secolo). Successivamente, in particolare nel ventennio compreso tra gli anni’50 e i '70, il 74% preferisce stabilirsi nei paesi dell’Europa settentrionale. In secondo luogo, a partire dalla fine degli anni ’70, la Spagna lascia il ruolo di paese di emigrazione e diminuisce quello di paese di transito di emigranti verso Nord. A partire dagli anni 80, attraverso un’evoluzione continua fino agli anni 2000, 5 i paesi della sponda settentrionale del Mediterraneo, in particolare Italia, Spagna, Portogallo e Grecia si vanno a configurare come un nuovo polo dell’immigrazione. La Spagna, frontiera meridionale dell’Unione Europea, vive il crescente fenomeno migratorio come un fatto sociale di grande e grave importanza, spesso centro di dibattiti parlamentari; tutto ciò in contrasto, con le cifre 1.109.060 (2002) residenti stranieri, ovvero circa il 3% della popolazione totale, una tra le percentuali più basse nell’UE. 4 The Cambridge survey of world migration, Robin Cohen, ed Cambridge University Press,1995 5 A questo proposito è utile fare riferimento al Dossier statistico sull’ immigrazione 2000 della Caritas aggiornato al 31.12.98, si riscontrava che dopo la Francia, l’Italia e la Spagna fossero i paesi U.E. con più immigrati marocchini presenti sul proprio territorio : rispettivamente 205.165 (il 12% della presenza U.E. ) e 148.475 (il 9,1% della presenza nella U.E.); inoltre la presenza marocchina in Spagna era la seconda per numero nell’U.E.,140.896 dopo quella residente in Francia.

Anteprima della Tesi di Marco Rapini

Anteprima della tesi: Osservazioni sul fenomeno dell’immigrazione in Spagna, con riferimento al periodo 1992-2002, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Marco Rapini Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5060 click dal 07/12/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.