Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Democrazia e nuove tecnologie: rischi di esclusione e opportunità di partecipazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 1.2. Le nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Con la nascita del world wide web 3 , che lentamente ha avvolto nella sua ragnatela istituzioni, soggetti ed attività, si è andato affermando un nuovo ambiente comunicativo, in cui la comunicazione tra società politica e civile sembra essere più facile, più diretta. L’uso delle ICT non modifica solo il rapporto tra politica e cittadini, ma incide soprattutto sul funzionamento e la natura stessa del sistema politico. Si assiste ad un uso sempre più frequente delle più accorte tecniche della comunicazione da parte dei politici, particolarmente durante le campagne elettorali, per imporre la propria immagine. Questo dimostra che il sistema della comunicazione ha una sua autonoma capacità di legittimazione politica, di creazione di una sfera politica capace di reagire con estrema rapidità ed efficacia sull’insieme del sistema (Rodotà, 1997, pp.15-20). In tal senso possiamo prendere come esempio le vittorie politiche legate all’uso dei media, di Berlusconi (Italia, 1994) e di Perot (USA, 1992). Questi incarnano la figura del cosiddetto political outsider (Caniglia, 2000), un soggetto esterno al mondo della politica che, maturando diverse esperienze nei propri campi di attività (Berlusconi – imprenditore in vari settori tra cui quello televisivo e quello editoriale; Perot – imprenditore in campo informatico), riesce ad entrare nel mercato politico. Il candidato diventa il messaggio stesso della proposta politica, il prodotto da piazzare ad un pubblico di consumatori sempre più indifferenti e quindi sempre meno raggiungibile attraverso l’utilizzo dei tradizionali strumenti di campaining. Gli elementi comuni riscontrabili nei casi delle vittorie di Berlusconi e Perot sono: un consistente uso dei media, l’impiego delle nuove tecnologie, l’adozione di un programma “antipolitico” e una grande disponibilità di ricchezza. Ulteriore elemento di comunione sta nella strutturazione della campagna elettorale in una strategia in quattro fasi: una fase di preparazione della campagna (in cui si organizza la gestione stessa della campagna), una di precampagna (in cui 3 World wide web: archivio interconnesso di siti in Internet. Esplode nel 1993 con l’introduzione di un programma chiamato “Mosaic” che consente di “sfogliare” con estrema facilità ed immediatezza le pagine multimediali di Internet.

Anteprima della Tesi di Sara Cirulli

Anteprima della tesi: Democrazia e nuove tecnologie: rischi di esclusione e opportunità di partecipazione, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingua e Cultura Italiana

Autore: Sara Cirulli Contatta »

Composta da 162 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2911 click dal 09/12/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.