Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Quale Operatore psicopedagogico? Dallo Psicopedagogista al Formatore scolastico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Fra l’altro “le percentuali riguardanti questo tipo di alunni, rispetto alla intera popolazione scolastica, erano semplicemente assurde e comunque tali da non aver riscontro, quanto a grandezza di valori, in nessun altro paese del mondo occidentale” 7 . Le stesse èquipes medico-psico-pedagogiche incontrarono notevoli difficoltà. Fra i suoi compiti rientravano i contatti con gli insegnanti e con il Direttore didattico; l’esame psicodiagnostico individuale per i casi che lo richiedevano e la stesura delle relative diagnosi complete della classe da frequentare e sui necessari interventi ortopedagogici e medici; in seduta collegiale col Direttore didattico ed il medico scolastico lo stabilire la composizione delle classi differenziali e di scuola speciale; la consulenza psico-pedagogica durante il corso dell’anno scolastico; approfondimenti psicologici e pedopsichiatrici individuali per i casi dubbi o che presentassero maggiori disturbi; esami psicodiagnostici collettivi e riunioni trimestrali dell’èquipe al completo insieme al Direttore ed eventualmente al medico scolastico; l’orientamento alla ricerca,l’aggiornamento e la sperimentazione 8 . Causa del mancato successo delle èquipe le numerose funzioni ad esse assegnate e la non chiara definizione degli specifici ruoli dei vari componenti, che spesso mantenevano un linguaggio troppo specialistico ed un egocentrismo professionale, che non permetteva di comprendere i problemi degli altri e di agganciare le singole consulenze tra loro 9 . Con l’arrivo degli “anni caldi” del ’68, la contestazione raggiungeva anche quella linea culturale e politica che “aveva portato alla mostruosità del proliferare impressionante di scuole speciali per handicappati e classi differenziali per disadattati”, alle cui fondamenta erano spesso cause di carattere sociale reinterpretate dalla cultura ufficiale 7 Cfr.Accorsini G., L’inserimento degli handicappati in Italia: riflessioni sulle esperienze fatte, “Scuola e città”, 5, 1980, p.223. 8 Cfr. Martini A., 1983, art. cit., p.184 9 Cfr. Trisciuzzi L. (a cura di), Le nuove attività della funzione docente, Firenze, La Nuova Italia, 1995, p.77.

Anteprima della Tesi di Federico Olivati

Anteprima della tesi: Quale Operatore psicopedagogico? Dallo Psicopedagogista al Formatore scolastico, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Federico Olivati Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4336 click dal 09/12/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.