Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Quale Operatore psicopedagogico? Dallo Psicopedagogista al Formatore scolastico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 come cause sanitarie, cui veniva data conseguentemente una risposta specialistico- sanitaria e specialistico-didattica 10 . A ciò conseguente la“scelta politica di gruppi minoritari che vollero coscientemente gli “inserimenti selvaggi” per mostrare che la valenza medica era mistificatoria e la soluzione doveva essere trovata su un piano pedagogico-didattico, che non deprivasse i soggetti svantaggiati della ricchezza del contatto con la società nel suo molteplice articolarsi”, fenomeno che raggiungeva un tale spessore da costringere le forze politiche a prenderne atto, varando nel 1971 la prima di una serie di leggi sull’inserimento sociale degli handicappati (L.118/71) 11 fino a giungere alla L.517/77. Prima di passare a quest’ultima, focalizzando l’attenzione sull’oggetto in esame nella presente trattazione, interessante risulta anche la legge delega del 1973, citata da Trisciuzzi 12 , in cui si prendeva atto dell’inadeguatezza delle èquipes ravvisando la necessità di “procedere ad una “rivalutazione” delle varie competenze, a partire da quelle del personale direttivo e docente “con particolare riguardo (…) ai rapporti (che questi debbono intrattenere) con gli operatori e con gli esperti che collaborano all’attività educativa della scuola con assistenza medico-socio-psico-pedagogica” (virgolette nel testo, corsivo mio)” ed in cui per la prima volta si usava questa denominazione ampliata, che ,insieme alla progressiva sospensione del funzionamento delle classi differenziali, dalla C.M. 191/17 del 1974 cambiava di nuovo in “servizio socio-psico-pedagogico”. 10 Cfr. Nocera T., L’integrazione scolastica degli handicappati tra normativa scritta e realtà, “Scuola e Città”, 2, 1981, p.73. 11 Ibidem. 12 Cfr. in Trisciuzzi L., 1995, Op.cit, p78.

Anteprima della Tesi di Federico Olivati

Anteprima della tesi: Quale Operatore psicopedagogico? Dallo Psicopedagogista al Formatore scolastico, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Federico Olivati Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4336 click dal 09/12/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.