Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Furiosus vel demens

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

22 CAPITOLO PRIMO FUROR 1.0 PREMESSA. Prima di analizzare il concetto di pazzia nel diritto romano, è interessante osservare il significato del termine persona. In età classica, il termine persona nel senso di essere umano fu in uso con valore tecnico tra i giuristi romani 5 . In epoche più antiche, sempre in ambito giuridico si trova, con lo stesso senso, “homo”. Questo termine, che pur continua ad essere utilizzato con il suo valore più ampio, tende ad assumere, presso i classici, un valore più ristretto: con homo si indica di frequente la persona in condizione servile. Il più probabile significato originario di persona, è per i romani, maschera teatrale e successivamente è sinonimo di uomo in quanto tale, senza alcun riferimento alla soggettività giuridica; ed anche se qualche riferimento tecnico si è voluto cogliere in alcune fonti postclassiche, nella

Anteprima della Tesi di Cinzia Calabrese

Anteprima della tesi: Furiosus vel demens, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Cinzia Calabrese Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1452 click dal 30/10/2007.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.