Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Traduzione e Abduzione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 Tra deduzione, induzione ed abduzione, il nostro interesse si concentrerà su quest'ultimo tipo di inferenza logicamente non certa, da cui il nome di "deduzione debole". "In generale, l'ipotesi va ritenuta una specie debole di argomento. Spesso inclina il nostro giudizio così lievemente verso la sua conclusione che non si può dire neppure che crediamo che questa conclusione sia vera: ci limitiamo a congetturare che potrebbe essere vera." 2 L'abduzione è descritta per la prima volta da Aristotele negli Analitici Primi. Il filosofo la vede come un sillogismo nel quale la premessa minore è meno evidente della conclusione, di modo che l'attenzione si sposta da quest'ultima per centrarsi sulla premessa minore. L'esempio dato da Aristotele è il seguente : "La scienza può essere insegnata; la giustizia è una scienza; quindi la giustizia può essere insegnata" 3 . Dopo Aristotele, il concetto di abduzione non ha subito forti sviluppi fino al momento in cui, nel XIX secolo, Charles Sanders Peirce (1839-1914), filosofo e scienziato, fondatore del "pragmaticismo", l'introdusse come terza branca della logica. Peirce chiamava l'abduzione indifferentemente "retroduzione" o "formulazione di ipotesi". Nel 1901, in un testo intitolato On the Logic of Drawing History from Ancient Documents Especially from Testimonies 4 Peirce diede la sua interpretazione degli Analitici Primi 5 di Aristotele. Nell'abduzione passiamo dall'osservazione di certi fatti alla supposizione di un principio generale, che, se fosse vero, spiegherebbe il perché i fatti sono come sono. Arriviamo, in conclusione, a qualcosa che differisce completamente da tutto ciò che abbiamo potuto osservare empiricamente, insomma a qualcosa che nella maggior parte dei casi non è contenuto nelle premesse. Il concetto di inferenza abduttiva secondo la formulazione che di essa ne fa Peirce è stato in seguito utilizzato da P.N. Johnson-Laird in psicolinguistica, da J.K. Holland, K.J. Holyoak, R.E. Nisbett e P.R. Thagard in intelligenza artificiale e da T. Givon in pragmatica. L'ipotesi comune è che gli individui, quando trattano e trasmettono informazioni, ed allo stesso modo, quando imparano e acquistano conoscenze nuove a partire dall'esperienza, utilizzano un tipo di ragionamento che non corrisponde né alla deduzione né all'induzione. Si tratta di un'inferenza che consiste nello stabilire ipotesi 2 C.P., 2.625 3 Analitici Primi, II, cap. 25 4 C.P.,7.164-255 5 II, 25

Anteprima della Tesi di Barbara Cordova

Anteprima della tesi: Traduzione e Abduzione, Pagina 3

Tesi di Master

Autore: Barbara Cordova Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3224 click dal 10/12/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.