Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

In nome del “dovere”. Selezione e formazione degli operatori dell'ordine

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 polizia fascista per far intendere che si era sposata con la dittatura”(20). Nonostante questo clima “non mancano nella p.s. esempi di umanità e di professionalità, come testimoniano i numerosi episodi di solidarietà da parte di appartenenti al Corpo verso esponenti dell’opposizione salvati dalla prigione se non dalla morte. Inoltre non è irrilevante il contributo del Corpo alla resistenza, mentre è del tutto inutile il tentativo di Mussolini di ricostruire una polizia asservita compiuto nel novembre 1943, istituendo la Guardia Nazionale Repubblicana e la Milizia Ausiliaria Repubblicana: dopo pochi mesi degli appartenenti a queste due formazioni si allontanarono portando con loro le armi e si ebbero numerosi episodi di sabotaggio” (21). Il 31 luglio 1943 il governo Badoglio militarizzò la P.S., con esclusione dei funzionari e del personale addetto alla polizia femminile (si trattò di un provvedimento provvisorio che avrebbe dovuto essere revocato con il mutare della situazione storica; “al contrario la p.s. è rimasta strutturata militarmente fino alla legge di riforma attuata nel 1981”) e il primo governo Bonomi, formato dopo la liberazione di Roma istituì il nuovo Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza (decreto del 2.11.1944), interamente dipendente dal Ministero dell’Interno. Per “impedire che la polizia del nord Italia fosse troppo politicizzata e sindacalizzata al termine della lotta di liberazione, il governo Bonomi emanò un decreto che prevedeva il divieto per il personale civile e militare dell’amministrazione della p.s. di appartenere a partiti politici o ad

Anteprima della Tesi di Giuseppina D'auria

Anteprima della tesi: In nome del “dovere”. Selezione e formazione degli operatori dell'ordine, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Giuseppina D'auria Contatta »

Composta da 250 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1026 click dal 17/09/2007.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.