Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La crisi economica e finanziaria delle società di calcio professionistiche:analisi ed ipotesi di soluzione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 azioni”), la Legge di riordino del settore dello sport professionistico (n. 91/81), la sentenza Bosman del 1995, con le sue conseguenze dirette sui bilanci civilistici e sul regime dei trasferimenti in ambito comunitario. Nel secondo capitolo si passano ad analizzare i tratti distintivi dell’economia delle moderne imprese calcistiche, cui è stato riconosciuto il fine di lucro soggettivo e l’allargamento dell’oggetto sociale, in corrispondenza dell’emanazione della Legge n. 586/96. L’analisi si sposta poi sulle caratteristiche della domanda del “prodotto calcio”, parallelamente al riconoscimento dell’importanza di un certo equilibrio concorrenziale all’interno della competizione, condizione imprescindibile per l’espansione della domanda. L’influenza dell’insieme delle istituzioni pubbliche sull’economia delle società di calcio viene affrontata nel terzo paragrafo, considerando il fatto che l’impianto organizzativo nazionale ed internazionale è in costante evoluzione e con non poche contraddizioni interne. Infine, l’attenzione si sposta sulle modalità di pianificazione strategica all’interno delle società di calcio, tenendo conto che è proprio da errori compiuti nella pianificazione che ha avuto origine l’attuale stato di crisi. Obiettivo del terzo capitolo è quello di fornire un’analisi quanto più completa possibile delle risultanze economiche e finanziarie della crisi, analizzando le componenti di reddito che maggiore importanza hanno assunto nel far precipitar l’equilibrio economico di bilancio e procedendo all’individuazione dei tratti caratteristici di questa crisi di settore (la crisi della figura del “presidente mecenate”, il legame indissolubile tra imprese calcistiche e grandi gruppi industriali, le manovre surrettizie con cui si è cercato di nascondere lo stato di crisi latente dell’industria calcistica). Nel quarto e quinto capitolo (seconda parte del lavoro) sono state individuate alcune delle possibili vie di risoluzione della crisi corrente: dalla possibilità di espandere le entrate, come qualità e composizione, attraverso un’accelerazione della trasformazione delle imprese calcistiche in società dell’entertainment (o “leisure company”); all’individuazione di un meccanismo che nel mondo dello sport anglosassone, di derivazione statunitense, ha consentito di contenere la distorsiva dilatazione dei costi per gli atleti professionisti, influenzando positivamente anche l’ equilibrio della competizione. Queste sembrano essere, almeno in prima battuta, le strade più percorribili per uscire dalla difficile situazione in cui si trova il calcio italiano; senza dover ricadere nel contestatissimo appoggio dello Stato, finora garante di quell’ala protettrice che ha

Anteprima della Tesi di Marco Dolzan

Anteprima della tesi: La crisi economica e finanziaria delle società di calcio professionistiche:analisi ed ipotesi di soluzione, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Dolzan Contatta »

Composta da 227 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6470 click dal 15/12/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.