Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio sociolinguistico sulla comunità gay di Berlino

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 schwul È un aggettivo, usato molto anche nella forma sostantivata (die Schwulen, “i gay”) e nei composti (Schwulenbewegung, “movimento gay”). Si riferisce esclusivamente all’omosessualità maschile. Come anticipato, questo termine è oggi assolutamente neutrale, ed è il più comune nell’uso quotidiano, all’interno come all’esterno della comunità, adottato anche come autodefinizione ufficiale, es.: Schwulenverband, “associazione gay”. Ma non è sempre stato così. Parlando con le persone, ho scoperto che anche schwul era originariamente un termine offensivo. Ma quando è diventato neutrale, allora? Naturalmente fenomeni linguistici come questo impiegano parecchio tempo prima di affermarsi come tendenze principali ed è praticamente impossibile datarli con precisione. Quel che si può fare, però, è notare che durante gli anni ottanta questo termine era ancora generalmente considerato spinto, provocatorio, mentre nel decennio successivo i media hanno preso maggiore confidenza e lo hanno definitivamente adottato. Ciò non toglie che molte persone di mezz’età, per esempio, potrebbero ancora oggi trovarlo scomodo o imbarazzante. Senza contare che alcuni dizionari, come i Wahrig, si ostinano a definirlo una voce “colloquiale”. Devo confessare che davanti a queste considerazioni ho temuto che la mia teoria stesse crollando. Leggendo le ricerche e le riflessioni di alcuni studiosi, però, ho capito che la graduale perdita nel tempo della connotazione negativa non faceva che confermare la mia ipotesi. In fin dei conti, la società nel suo complesso cessa di attribuire una valenza negativa ad una parola essenzialmente perché cessa di riferirsi alla realtà indicata con un giudizio

Anteprima della Tesi di Agnese Bresin

Anteprima della tesi: Studio sociolinguistico sulla comunità gay di Berlino, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: tedesco

Autore: Agnese Bresin Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2083 click dal 14/12/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.