Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'ideologia di Walt Disney

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 aderente alla realtà. Non dimentichiamo che Disney era innanzitutto un ‘artista dell’immaginario’, con una fede incrollabile nel proprio istinto e nelle proprie capacità, un lavoratore instancabile, disposto a compiere qualsiasi sacrificio pur di realizzare il progetto che in quel momento aveva preso forma nella sua mente. E in questo ‘delirio creativo’ tutti dovevano assecondarlo. Una personalità complessa e controversa, dunque, quella di Walt Disney. Le biografie ufficiali attenuano, ma non tacciono, gli aspetti più oscuri della sua vita privata: un uomo pieno di conflitti, instabile e bigotto, che non riusciva a liberarsi dal doppio vizio del fumo e dell’alcool tanto da compromettere seriamente la propria salute, un simpatizzante della destra americana più antisemita e anticomunista che frequentava assiduamente i raduni del partito nazista americano, uno scrupolosissimo informatore dell’FBI. Allo stesso modo, si limitano ad accennare i tratti meno conosciuti del suo carattere. Il profilo che ne emerge è quello, a tinte fosche, di un uomo tormentato dai dubbi sulle proprie origini, completamente soggiogato da insicurezze e fragilità, affetto da manie ossessive e comportamenti fobici, vittima di frequenti e profonde crisi depressive che riusciva a superare solo con l’aiuto di alcool e psicofarmaci. Fondamentalmente un uomo-bambino, si rifiutava di crescere al punto che, divenuto ormai celebre, fece costruire nel parco della sua tenuta un’autentica ferrovia in miniatura con locomotiva e vagoni, il Carolwood Pacific, solo per il piacere di indossare la divisa da macchinista, con tanto di cappello, e girare per la proprietà. Quando la realtà diventava asfissiante, Walt trovava nel suo trenino un rifugio sicuro, un’ancora di salvezza alla quale aggrapparsi per superare i momenti difficili. Il mistero avvolge perfino la sua nascita. Un mistero che non è mai stato chiarito del tutto, e che probabilmente è destinato a rimanere insoluto

Anteprima della Tesi di Serena Todisco

Anteprima della tesi: L'ideologia di Walt Disney, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Serena Todisco Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 31095 click dal 13/12/2004.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.