Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La valutazione degli impatti ambientali e sociali nelle politiche e nei progetti della Banca Mondiale. Tematiche specifiche relative alla biodiversità

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 Capitolo 1 L’utilizzo dell’analisi economica per la tutela ambientale. Strategia e procedure della Banca Mondiale 1.1 Sviluppo economico e tutela ambientale. Metodologie a confronto Dal 1972, anno della Conferenza di Stoccolma sull’ambiente umano, la coscienza ambientale internazionale è andata sempre più sviluppandosi. Considerare la salvaguardia ambientale come un valore porta alla modifica dei prezzi relativi (le idee pesano) 1 e ciò ha contribuito a far rientrare i beni ambientali nel concetto di risorse scarse. Nel 1992 il World Development Report della Banca Mondiale pose l’attenzione sui links tra sviluppo e ambiente e sottolineò la possibilità di implemetare politiche “win-win” ossia capaci di costruire un circolo virtuoso che potesse riflettersi positivamente sia sullo sviluppo economico che sull’ambiente 2 . Da anni, quindi, tale istituzione finanziaria riveste un ruolo di primo piano all’interno dello scenario globale, grazie all’enfasi posta sull’esigenza di una sempre più stretta integrazione tra V.I.A. (o meglio E.A., Environmental Assessment) e analisi economica dei progetti di investimento. Le informazioni contenute nelle V.I.A. concernenti la identificazione, la descrizione e la quantificazione degli impatti ambientali positivi e negativi, devono essere adeguatamente convertite in valori economici (costi e benefici) attraverso la Environmental Valuation 3 . Solo attraverso tale strumento è possibile omogeneizzare i valori ambientali e quelli economico-monetari ed effettuare una più corretta ponderazione dei vari progetti da finanziare in maniera conforme alla essenza della logica economica, cioè ispirandosi a criteri di razionalità 4 . 1 North, D.C., (1994): Istituzioni, cambiamento istituzionale, evoluzione dell’ economia, Il Mulino, Bologna, traduzione di W. Santagata. Edizione originale: Institutions, Institutional Change and Economic Performance, Cambridge University Press, Cambridge, 1990, pagg. 124-125. 2 Dixon, J.A., Scura, L.F., Carpenter, R.A. e Sherman, P.B., (1994): Economic analysis of Environmental Impacts, Second Edition, Earthscan Publications Ltd, London, pagg. 4-5. 3 Silva, P. e Pagiola, S., (2003): A Review of the Valuation of Environmental Costs and Benefits in World Bank Projects, in “Environmental Economics Series”, Paper no. 94, The World Bank, Washington D.C.. 4 Querini, G., (2000): La politica ambientale della Unione Europea, Seconda Edizione, Edizioni Kappa, Roma, pag. 96.

Anteprima della Tesi di Giovanni Malvasi

Anteprima della tesi: La valutazione degli impatti ambientali e sociali nelle politiche e nei progetti della Banca Mondiale. Tematiche specifiche relative alla biodiversità, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giovanni Malvasi Contatta »

Composta da 256 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2852 click dal 13/12/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.