Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il bilancio delle S.p.A. alla luce della nuova riforma del Diritto delle Società

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 B. I passi politico istituzionali che hanno condotto alla riforma. Fino alla metà degli anni ’90 il quadro dell’armonizzazione contabile internazionale era relativamente semplice e stabile, specie con riguardo al contesto europeo. Sulla base del suo Trattato istitutivo di Roma del 1957 (art. 54, par.3, lett. g), la Comunita’ economica europea (poi Unione Europea – UE) aveva emanato due Direttive, la Quarta e la Settima, rispettivamente nel 1978 e nel 1983, volte ad armonizzare le regole sulla cui base devono essere preparati i bilanci delle società e i bilanci consolidati di gruppo. L’International Accounting Standards Committee (IASC), fondato nel 1973, iniziò a pubblicare principi contabili (gli Internatinal Accounting Standards – IAS), ma che erano, più che altro, raccolte di best practices che ammettevano numerose alternative tecnico-valutative, quasi sempre tratte dagli standard britannici e statunitensi. In Italia, la Consob sin dal 1982 aveva indicato gli IAS come punto di riferimento alle società quotate per le tematiche valutative-contabili non trattate dalla legge e dai principi contabili nazionali (Ordinanza n. 1079/82). Nel 1995 si assiste al primo passo verso una nuova situazione: la Commissione europea emana una Comunicazione dove essa si esprime a favore di un’armonizzazione contabile internazionale, e non solamente europea, e dove esplicita la necessità di seguire da vicino il lavoro dello IASC come possibile strada per i futuri processi di armonizzazione, specie per le imprese definite “global players”. Testimonianza di questo nuovo corso sono le varie analisi compiute dal Comitato di Contatto, per conto della Commissione, sulla compatibilità esistente tra le norme delle Direttive contabili comunitarie e gli IAS. Tale trend vieni poi confermato e ampliato nella Comunicazione della Commissione del giugno del 2000, in cui – sulla

Anteprima della Tesi di Sandro Corocher

Anteprima della tesi: Il bilancio delle S.p.A. alla luce della nuova riforma del Diritto delle Società, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Sandro Corocher Contatta »

Composta da 93 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12066 click dal 16/12/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.