Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Storia economica di Roma antica, dalla fondazione della città al crollo dell'Impero

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 la nuova necessità, per ogni famiglia, di possedere una proprietà privata che forse, però, era ancora affiancata dallo sfruttamento di alcune terre comuni. 8 Per quanto riguarda, nello specifico, le coltivazioni, sappiamo che l’alimentazione era costituita principalmente dal far: una specie inferiore di grano (probabilmente la spelta) caratterizzato da un involucro molto aderente al seme e che, quindi, necessitava di un trattamento col calore del fuoco, prima del mortaio. Non sappiamo molto sulla produttività di questo cereale in quanto le poche fonti in nostro possesso sono discordi: Varrone e Cicerone affermano che la produzione di grano fosse, in media, 8 – 10 volte il seme, ma l’autorevole Columella tramanda una produzione tutt’al più di 4 volte il seme. Si deve, tuttavia, affermare che il testo di Columella può anche essere tradotto ed interpretato come il far rendesse quattro volte il reddito del capitale o, addirittura, un quarto della redditività di altre coltivazioni, come ad esempio, il vigneto. 9 Dai ritrovamenti in alcune tombe, si è scoperto che la produzione di grano era affiancata anche da altri cereali come l’orzo, il miglio ed il panico. Per quanto riguarda i legumi, invece, la fava è tra le piante più antiche coltivate a Roma, mentre la coltura di alberi da frutto era decisamente primitiva e si limitava a pochissime specie, come il fico, il melo ed il pero. Un caso particolare è rappresentato da ulivo e vite, da sempre due pilastri dell’agricoltura mediterranea: entrambi erano conosciuti ma, probabilmente a causa del terreno inadatto, conobbero solo successivamente una forte diffusione e 8 Ibidem. 9 Varrone, De re rustica, cit. I, 44; Marco Tullio Cicerone, In Verrem, trad. it. Il processo di Verre, Milano, Rizzoli 1996, traduzione e note di Laura Fiocchi e Nino Marinone, II, 3, 47. Lucio Giunio Moderato Columella, De re rustica, trad. it. L’arte dell’agricoltura, Torino, Einaudi 1977 trad. Rosa Calzecchi Onesti, note Carlo Carena, II, 9, 1.

Anteprima della Tesi di Luca Leonardo Garofalo

Anteprima della tesi: Storia economica di Roma antica, dalla fondazione della città al crollo dell'Impero, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Luca Leonardo Garofalo Contatta »

Composta da 170 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8180 click dal 23/12/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.