Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Storia economica di Roma antica, dalla fondazione della città al crollo dell'Impero

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 La struttura sociale Merita sicuramente particolare attenzione l’ordinamento della società romana in queste epoche arcaiche, in quanto ha notevoli implicazioni sia sull’agricoltura, sia sulla struttura sociale. L’ordinamento della società era basato sulla gens: un primitivo gruppo con forte connotazione patriarcale, dove, al carattere familiare e domestico, si affiancava quello politico, poiché, in epoche antiche, la gens disponeva di poteri sovrani, come un piccolo stato autonomo, con un proprio elementare diritto, propria religione e, come visto precedentemente, terre proprie per l’agricoltura e la pastorizia. L’organizzazione interna era estremamente semplice e tutti gli appartenenti alla gens, detti gentiles, erano uguali, liberi, ma ugualmente sottoposti al potere forte di un capo, chiamato pater gentis. Ben presto le gens divennero dei forti poli di aggregazione: chi non ne faceva parte, non potendo godere di certi benefici, cercava di entrarvi sottoponendosi alle sue regole gerarchiche, con il rito della applicatio. Il numero dei gentiles, quindi, cominciò a salire in maniera esponenziale; si cominciarono a perdere i connotati familiari e domestici e cominciò a rendersi necessaria una migliore organizzazione interna. In particolare, si introdusse la suddivisione del lavoro ed alcuni impieghi divennero subordinati: si sviluppò così, velocemente, una specie di divisione di classe interna alle singole gens, che trovò la sua realizzazione nella nascita della clientela. Per spiegare correttamente i rapporti di clientela, dobbiamo ricorrere al concetto di padrone e quello di servo, ma è fondamentale comprendere che questi due termini risultano sterili e rappresentano solo una parte marginale di questa particolare relazione: in effetti, la clientela aveva forti implicazioni morali e religiose, ancor prima

Anteprima della Tesi di Luca Leonardo Garofalo

Anteprima della tesi: Storia economica di Roma antica, dalla fondazione della città al crollo dell'Impero, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Luca Leonardo Garofalo Contatta »

Composta da 170 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8179 click dal 23/12/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.