Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il grado della colpa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

l’identità sostanziale che intercorre tra questi concetti 10 . In tale ottica, dunque, i criteri di commisurazione della sanzione indicati dall’art. 133 c.p. dovranno essere utilizzati unicamente per determinare il livello di pericolosità – capacità a delinquere del soggetto, ossia per valutare, mediante un giudizio prognostico, se, ed eventualmente in che misura, questi debba essere considerato capace di commettere, in futuro, fatti previsti dalla legge come reato. Tale valutazione dovrà essere compiuta utilizzando tutti gli indici previsti dall’art. 133 c.p., compresi quindi quelli relativi alla gravità del reato, il quale, anzi, costituendo un fatto della medesima natura di quelli che debbono essere presi in considerazione al fine di accertare la pericolosità, rappresenta l’elemento fondamentale del relativo giudizio 11 . Risulta dunque evidente come, seguendo una simile impostazione, il grado della colpa, insieme agli altri elementi indicati nella prima parte di tale norma, venga a costituire un indice della pericolosità (e della capacità a delinquere), nell’ambito di una valutazione esclusivamente prognostica, diretta ad accertare unicamente il livello di pericolosità sociale del reo. A risultati analoghi in merito alla collocazione sistematica del problema relativo alla graduazione della colpa giunge anche una ulteriore ricostruzione 12 , a coronamento tuttavia di un 10 GRISPIGNI, Ibidem, p. 181, il quale fa riferimento alla Relazione al Progetto definitivo, ove la capacità a delinquere viene definita come “l’attitudine dell’individuo alla violazione delle norme giuridiche penali”, facendo notare come, in realtà, una persona provvista di una tale attitudine non possa non essere reputata pericolosa. 11 GRISPIGNI, Ibidem, p. 204 s.. 12 ANTOLISEI, Manuale di diritto penale, cit., p. 644 s..

Anteprima della Tesi di Riccardo Benvenuti

Anteprima della tesi: Il grado della colpa, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Riccardo Benvenuti Contatta »

Composta da 254 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5057 click dal 01/02/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.