Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''Il mestiere delle Armi'' di Ermanno Olmi: Forma, enunciazione, rappresentazione della morte

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 14) Primo piano, didascalia “PALAFRENIERE DE CAPITANO DE MEDICI” sguardo in macchina prosegue: «..perché di questi tempi è di usanza di procedere più di tutto, con intrighi ed inganni della politica.» 15) Primo piano di un cavaliere che cavalca verso la direzione della macchina, fino ad oscurare quasi completamente lo schermo, movimento di macchina che sottolinea l’andatura della cavalcata. Riprende la voce off dell’Aretino: «Dispaccio di Federico Gonzaga..» 16) Dissolvenza dal nero, campo d’ambientazione di una stanza con un soldato in armatura da battaglia di spalle, ed un altro personaggio anch’esso di spalle che guarda fuori dalla finestra e lentamente si volta, voce off: «..marchese di Mantova, all’illustrissimo Alfonso d’Este duca di Ferrara» 17) Campo ravvicinato, sul margine destro rimane in primo piano la spalla del soldato, al centro il personaggio alla finestra, didascalia “ALFONSO D’ESTE, DUCA DI FERRARA”; voce off: «Il signor Joannino, si fece condurre ieri in Mantua per farsi curare la ferita che ebbe nella gamba..» 18) Mezzo busto del Duca di Ferrara, fugace sguardo in macchina, abbassa lo sguardo «..scaramuzzando con gli alemanni del Frundsberg..» il duca si rigira verso la finestra, la voce continua: «..ma i medici fanno il caso pericoloso di morte.» tocco di campane. 19) Stacco netto, mezza figura dell’Aretino ed in ombra sulla destra dello schermo, di schiena, un personaggio coperto da una mantella nera che si dirige sul ciglio di una porta, altri rintocchi di campane. 20) Primo piano del volto della donna e il cui volto è semicoperto da un cappuccio del mantello, la sua identità non viene svelata. 21) Stacco netto, altro interno, primo piano di un personaggio che parla verso un fuori campo più basso del suo orizzonte: «Non basta l’esser leali e gloriosi nel mestiere delle armi,..»

Anteprima della Tesi di Emma Minelli

Anteprima della tesi: ''Il mestiere delle Armi'' di Ermanno Olmi: Forma, enunciazione, rappresentazione della morte, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Emma Minelli Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3688 click dal 28/12/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.