Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''Il mestiere delle Armi'' di Ermanno Olmi: Forma, enunciazione, rappresentazione della morte

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 22) Al centro dell’inquadratura 2 uomini in piano americano che parlano verso il fuori campo ad un personaggio nel letto baldacchino, di cui si vedono le gambe sotto le lenzuola; didascalia “GEN.LE FRANCESCO MARIA DELLA ROVERE DUCA D’URBINO” che continua lentamente a scandire il suo discorso:«..quanto voi lo siete stato, se non confermate questo vostro buon nome, con la religione della nostra fede.». 23) Primo piano 21 :«..sotto le cui sembianze siamo nati e vissuti.» 24) Piano ravvicinato dell’Aretino coricato su una panca, si alza e nel frattempo la sua voce off incalza: «Prossimi al giorno, ritornò in lui, con tutte le specie di tormenti,», l’Aretino esce di campo sul lato destro dell’inquadratura, la voce continua: «ed egli appena mi vide..» 25) «..mi comandò che io facessi che Maria, sua consorte..» totale dell’Aretino e Palafreniere che guardano verso il basso, il letto. 26) Primo piano di una donna che guarda fuori dalla finestra, voce off: «..gli mandasse il figlio Cosimo..», appare la didascalia “MARIA SALVIATI MOGLIE DI JOANNI DE MEDICI”, voce off: «..in questo, la morte che lo chiamava sotterra..» la donna lentamente si volta e guarda in macchina «..gli raddoppiò la tristezza.» 27) Inquadratura dall’alto, sei soldati, tre per lato che sistemano una branda campo, voce off: «Mi comandò che gli venisse portato il suo lettuccio da campo, per morire da soldato,..» finito di sistemare la branda i soldati escono di scena. Campo vuoto della stanza con una panca e il lettuccio, voce off: «..ciò fatto, il lume, intrigandogli la vista..» 28) «..cedeva alle tenebre perpetue.» due soldati sui lati dello schermo, al centro l’ Aretino, con una candela e il Palafreniere guardano verso il basso. Voce off del Gonzaga: «Ho saputo..». 29) Stacco, campo lungo di un salone una serie di personaggi, ed al centro il Gonzaga che sta indossando l’armatura «..che anche Sua Santità si è commossa,..» gli viene messo l’elmo «..e pur non potendo non sentire

Anteprima della Tesi di Emma Minelli

Anteprima della tesi: ''Il mestiere delle Armi'' di Ermanno Olmi: Forma, enunciazione, rappresentazione della morte, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Emma Minelli Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3688 click dal 28/12/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.