Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Mercurius Aulicus e Mercurius Britanicus: Informazione e Propaganda nella Guerra Civile Inglese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

ii Secondo alcuni studiosi se si vuole risalire alla costituzione della sfera pubblica, bisogna fare riferimento ai dibattimenti politici dei primi decenni del seicento. 1 Nell’ Inghilterra pre-rivoluzionaria il testo sia scritto che stampato ricoprì un ruolo determinante, molto più della comunicazione orale, nel comunicare il dissenso all’autorità e le proposte di riforma al sistema. Le ragioni che portarono a privilegiare questo mezzo di comunicazione furono molteplici: il loro consolidamento, costituiva il frutto dei mutamenti di lungo termine, che interessarono l’ Inghilterra nel campo sociale e politico. Innanzi tutto lo stabilizzarsi della lingua inglese sui primi canoni moderni, associato ad un crescente tasso di alfabetizzazione (nella città di Londra raggiungeva il 60% della popolazione), garantiva al testo una sicura intelligibilità. Lo stesso aspetto fisico del mezzo cartaceo offriva una maggiore fruibilità e conservazione nel tempo rispetto alla trasmissione orale; inoltre chiunque avesse deciso di riportare delle idee sulla carta, aveva il privilegio se lo riteneva opportuno di celare la propria identità sotto l’anonimato. Queste caratteristiche si rivelarono molto favorevoli affinché ad esempio, i ceti medio bassi della società durante il periodo della rivoluzione scegliessero di comunicare le ragioni del loro malcontento attraverso il mezzo cartaceo. Tanto più che alla base della rivolta non vi erano prevalenti ragioni economiche o di classe, quanto piuttosto motivazioni ideologiche e di diritto, le quali connotavano la rivolta come una “lotta per le idee” e per la loro affermazione. 2 Fiumi d’inchiostro vennero spesi per attaccare sin dalle fondamenta quelle istituzioni che un tempo erano ritenute le più sacre ed intoccabili. La Monarchia, i Lord e la Chiesa nel diciassettesimo secolo divennero i bersagli prediletti di feroci quanto numerosi Libelli e Pamphlet. Il movimento puritano nella specie conduceva la sua crociata contro la Chiesa Anglicana facendo largo uso della satira e della parodia, come si evince ad esempio dai caustici articoli dei Marprelate Tracts, largamente conosciuti fra la popolazione. Già alla fine del sedicesimo secolo una delle principali ragioni per cui il credo puritano riuscì a fare breccia nella società inglese, è da ricercarsi nelle caratteristica dedizione che 1 Freist, Dagmar, Governed by Opinion: Politics, Religion, and the Dynamics of Communication 1637-1645, New York, Tauris Academic Studies, 1997, p.11. Joad, Raymond, The Newspaper and the Public Sphere in the Seventeenth Century, in News, Newspapers, and Society in early modern Britain, Portland Oregon, FrankCass& Co., LTD, 1999. 2 Macaulay, Gorge, England under the Stuarts, Trevelyen, Methuen& Co LTD., London, 1904, p.23.

Anteprima della Tesi di Marco Zannarini

Anteprima della tesi: Mercurius Aulicus e Mercurius Britanicus: Informazione e Propaganda nella Guerra Civile Inglese, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Marco Zannarini Contatta »

Composta da 195 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 744 click dal 30/12/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.