Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

"The Masque of Queens" di Ben Jonson

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 interamente dalla corte che assumeva artigiani, tecnici e autori appaltando i settori di loro competenza. Tutte le spese erano registrate nelle scritture contabili dell’Office of the Revels, che si occupava della realizzazione dei costumi e delle decorazioni. La spesa media di un masque durante il regno di Giacomo I era di circa trecento sterline, ed i più costosi erano quelli dedicati alla Regina Anna (cinquecento sterline circa). Le grandi somme investite negli spettacoli servivano in gran parte per i costumi indossati dagli attori. Nulla era lasciato al caso nell’allestimento del masque e per quanto riguarda i costumi non solo si teneva conto delle esigenze sceniche e drammaturgiche, ma anche del rango sociale di chi li indossava. Ogni abito (così come ogni colore) rimandava a una simbologia ben precisa. Compito di disegnare i costumi femminili (solo le donne indossavano abiti antichi perché gli uomini indossavano abiti alla moda) era affidato al designer di corte Inigo Jones. Molto importanti erano anche gli abiti dei portatori di torce (che solitamente precedono l’entrata in scena degli attori del masque vero e prorprio), i cui colori venivano ravvivati dalla luce prodotta dalle torce, che servivano per illuminare la scena. Con il perfezionamento del sistema di illuminazione la funzione dei portatori di torce divenne sempre meno importante fino a che scomparirono dalla scena. Altri elementi importantissimi, nonché tratti caratteristici del masque, sono la musica, la danza e il canto che armoniosamente vanno ad unirsi a tutte le altre componenti. La funzione della musica era quella di creare o intensificare una certa atmosfera emotiva che trapelava dallo spettacolo.

Anteprima della Tesi di Rossella Lesi

Anteprima della tesi: "The Masque of Queens" di Ben Jonson, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Rossella Lesi Contatta »

Composta da 212 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2311 click dal 14/01/2005.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.