Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il concorso esterno nei reati associativi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 stabilmente è legato all’organizzazione e ne condivide le finalità e gli obiettivi. Poi ecco il primo confine labile, quello tra il partecipe e il concorrente eventuale materiale, un’area interessante da studiare che appassiona e fa scontrare la dottrina perché, forse giustamente, si obietta che colui che concorre materialmente, altri non è che il partecipe 3 ; ancora sopra troviamo il concorrente eventuale morale, più pacificamente accettato 4 ed infine un’altra debole barriera, quella che distingue il concorso eventuale materiale dalla condotta dell’estraneo che non costituisce reato. Anche qui si sente l’esigenza di fissare dei limiti comportamentali certi, chiari, che assicurino il rispetto dei principi di legalità e tassatività tali da non punire chi, anche occasionalmente e inconsapevolmente, entri in relazione con un’organizzazione criminosa: ed ecco l’ultimo cerchio. Per ricostruire il cammino del concorso esterno è importante seguire lo sviluppo della giurisprudenza, attraverso la quale molte delle obiezioni dogmatiche sono state superate. 3 INSOLERA, Problemi di struttura del concorso di persone nel reato, Milano, 1986,147 ss. e 150 ss. Per il concorso morale: ID., Diritto penale e criminalità organizzata, Bologna, 1996, 108; FIANDACA - MUSCO, Diritto penale. Parte generale, 4^ ed., Bologna 2001, 492 – 493; FIANDACA, La contiguità mafiosa degli imprenditori tra rilevanza penale e stereotipo criminale (Nota a Trib. Catania, sent.-ord. 28 marzo 1991, Amato ed altri) in Foro it. 1991, II, 475-476; in giurisprudenza, in tal senso Cass. Pen., sez. I, 19 gennaio 1987, Cillari, in Cass. Pen. 1989, 34; Cass. Pen., sez. I, 18 maggio 1994, Clementi, in Foro it., 1994, II, 560; Cass. Pen, sez. I, 18 marzo 1994, Mattina, in Cass. Pen. 1994, 2685; Trib. Catania, 8 marzo 1994, Di Grazia e altro, in Riv.it.dir. e proc.pen., 1994, 1187, con commento, in termini adesivi a tale impostazione, di MANNA, L’ammissibilità di un cd. Concorso “esterno” nei reati associativi, tra esigenze di politica criminale e principio di legalità, (Nota a G.i.p. T. Catania, 8 marzo 1994, Di Grazia) in Riv. it. dir. e proc. pen., 1994, 1192-1194. 4 SPAGNOLO, L’associazione di tipo mafioso, Padova, 1997, 135, che ammette il concorso morale anche in rapporto alle condotte associative qualificate; ID., Reati associativi, in Enc. Giur., Aggiornamento, V, Roma, 1996, 9; TURONE, Il delitto di associazione mafiosa, Milano, 1995, 327-328; FIANDACA - MUSCO, Diritto penale. Parte generale, 4^ ed., Bologna, 2001, 492; CONTENTO, Il concorso di persone nei reati associativi e plurisoggettivi, in Scritti 1964-2000, Bari, 2002, 116-117.

Anteprima della Tesi di Giulia Masi

Anteprima della tesi: Il concorso esterno nei reati associativi, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giulia Masi Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12066 click dal 30/12/2004.

 

Consultata integralmente 52 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.