Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione dei sistemi di e-Procurement

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Infine, il sesto paragrafo focalizza l’attenzione sul public e-Procurement, ovvero l’utilizzo delle tecnologie Internet nel processo di acquisto di beni e servizi da parte della Pubblica Amministrazione; il public e-Procurement è solo un aspetto della modernizzazione dei processi che coinvolgono le Pubbliche Amministrazioni, attuata attraverso piani cosiddetti di e-Government. 1.1 La definizione I beni ed i servizi che un’azienda acquista costituiscono spesso per la stessa azienda la maggior voce di costo; la società di ricerche statunitense Aberdeen Group stima che, per ogni dollaro guadagnato, un’azienda spende dai 50 ai 55 centesimi in beni e servizi. Questo mezzo dollaro rappresenta un’opportunità: per un’azienda ridurre tali costi significa aumentare i profitti. L’acquisto di beni e servizi necessari per produrre coinvolge, in realtà, due voci di costo: una prima, costituita dal costo del bene o servizio, ed una seconda, costituita dal costo del processo di acquisto. Per ragioni che saranno più chiare in seguito, si può affermare che le soluzioni di e-Procurement riducono entrambe le aliquote. In maniera generica l’e-Procurement può definirsi come l’utilizzo delle tecnologie Internet nel processo di approvvigionamento di beni e servizi (Van Weele 1994); in maniera altrettanto generica, è possibile affermare che tali tecnologie sono rappresentate da siti web con applicazioni che consentono la chiusura online di una transazione commerciale (cataloghi elettronici, aste telematiche, ecc.) o lo scambio di informazioni (prezzi, specifiche di prodotto, ecc.). Esistono quindi diverse forme di e-Procurement e diverse modalità di applicazione (c.f.r. 1.3). Le tecnologie a supporto dell’Ufficio Acquisti hanno avuto storicamente come primo esempio l’EDI (Electronic Data Interchange) che consentiva l’invio di messaggi elettronici per ordini di acquisto, avvisi di spedizione, bolle di accompagnamento, ecc. Il costo di gestione di questa tecnologia è però stato un forte freno alla sua diffusione, se non in settori industriali, come quello automobilistico, caratterizzati da consistenti flussi di materiali e da relazioni stabili nel tempo. L’avvento delle tecnologie web, riducendo il costo di accesso, ha invece favorito la nascita di applicazioni accessibili ad un insieme più ampio di attori. Per meglio comprendere i vantaggi che apporta l’adozione di una soluzione di e- Procurement, si confronti il processo di acquisto eseguito senza l’ausilio delle tecnologie

Anteprima della Tesi di Fabio Cappuccio

Anteprima della tesi: Valutazione dei sistemi di e-Procurement, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Fabio Cappuccio Contatta »

Composta da 196 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2866 click dal 25/01/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.