Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il quartiere Shahhadin

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Breve quadro storico e politico 2. La Siria sotto l’influenza francese 5 Nei tempi antichi si chiamava Siria la regione compresa tra la penisola anatolica, la Turchia e il Sinai. L’egemonia su questo territorio, fu un obiettivo costante di antiche civiltà sviluppatesi nelle vicinanze, come egizi e persiani, mentre fu la culla della civiltà fenicia e una delle terre più importanti della cultura greco-ellenistica che nel Mediterraneo si pone all’origine di ciò che oggi è noto come “civiltà occidentale”. L’arabizzazione avvenuta tra il VII e l’VIII secolo della nostra era, pone le basi etniche e culturali della regione conosciuta come Siria: passata sotto dominio ottomano nel XVI secolo, con l’assoluta maggioranza musulmana portò con sé in eredita la particolare presenza di comunità cristiane, specialmente quelle maronite 6 , che dal XVII secolo sarebbero state motivo di ingerenza europea nella regione. Così nel 1831, all’imposizione di pesanti obblighi fiscali e militari (servizio di lega obbligatorio) da parte del nuovo padrone di Siria Meḥmet Ali 7 , Khedive 8 d’Egitto, si scatenò un’insurrezione popolare di cristiani e musulmani. Le potenze europee intervennero contro le misure repressive imposte ai cristiani, e delegarono ai francesi il compito di proteggere la comunità cristiana di Siria: nel 1840 ci fu il totale ritiro delle forze egiziane e la restaurazione del dominio ottomano, che autorizzava gli europei a sovvenzionare missioni e collegi europei in quella regione. Le comunità cristiane maronite, diffuse maggiormente nella regione montuosa tra Damasco e Gerusalemme, promossero nel 1858 una ribellione contro il sistema feudale di proprietà della terra, ma si scontrarono con 5 Le notizie e le informazioni contenute in questo paragrafo e nel seguente, ove non specificato, sono state ricavate dal sito internet: www.relazioniinternazionali.it/paesi/storia-siria.htm. 6 Maroniti: comunità di cattolici siriani, la cui origine viene fatta risalire ai discepoli dell’anacoreta Marone (morto prima del 423), sebbene come comunità autonoma si è costituita solo nell’VIII secolo; dal 1881 la comunità è rientrata nell’ortodossia della Chiesa di Roma e ha accettato la supremazia del Papa. Cfr. Reinhard Shulze, Il mondo islamico nel XX secolo, Feltrinelli Editore, Milano 1998, glossario pag. 415 7 Muhammad ‘Ali (1805-48): un turco di Macedonia giunto in Egitto insieme alle forze ottomane inviate contro i francesi, che riuscì a imporsi sul governo ottomano come Governatore e a espandere la sua autorità anche in Sudan, in Siria e in Arabia. Cfr. Albert Hourani, Storia dei popoli arabi, Arnoldo Mondatori Editore, Milano 1992, pag. 273. 8 Khedive: titolo assunto dai successori di Mehmet ‘Ali, riconosciuto alla sua famiglia per governare l’Egitto sotto la sovranità ottomana. Cfr: leggi nota precedente, pag 273.

Anteprima della Tesi di Letizia Guardelli

Anteprima della tesi: Il quartiere Shahhadin, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Studi orientali

Autore: Letizia Guardelli Contatta »

Composta da 397 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1084 click dal 30/12/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.