Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La responsabilità ambientale e il bilancio sociale: l'esperienza del comparto chimico e petrolifero della provincia di Livorno

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 - Responsabilità sociale e gestione d’impresa 9 dall’inizio del processo produttivo, nella fase di studio, progettazione e ricerca di nuovi prodotti. Gli eventuali impatti negativi, economici e di benessere, che si possono avere sull’ambiente vengono percepiti solo successivamente, quando gli effetti sono avvertiti dai consumatori e dalla stessa azienda. La nascita di una presa di coscienza collettiva ha dato vita a numerose associazioni che svolgono una costante informazione dell’opinione pubblica, rendendola consapevole della necessità di dover mantenere degli standard qualitativi minimi, allo scopo di conservare anche in futuro condizioni di vita accettabili. Questa nuova sensibilità si riflette principalmente in due comportamenti: da un lato si assiste ad un’evoluzione della richiesta di prodotti che comprovino un più elevato grado di compatibilità con l’ambiente e con il benessere psichico-fisico dell’individuo, dall’altro crescono le pressioni verso il governo o i vari enti pubblici per l’approvazione di norme maggiormente restrittive e l’utilizzo di strumenti economici a tutela dell’ambiente. Da quanto detto si deduce che la riduzione dell’impatto ambientale non solo è foriera di una sua maggiore accettabilità sociale, ma soddisfacendo le istanze e le attese degli interlocutori, può tradursi in uno strumento elettivo di aggregazione del consenso. Consenso da cui nessuna azienda può prescindere a lungo, senza ledere le proprie prospettiche condizioni di sopravvivenza e sviluppo. L’impresa che, con approccio anticipatore, integra la protezione dell’ambiente naturale tra i valori che spingono l’azione imprenditoriale, può maturare rispetto alle concorrenti rilevanti potenzialità13. Conseguentemente, anche se agli ingenti costi per investimenti in tutela ambientale non sempre si contrappongono ricavi remuneratori, occorre comunque tener conto delle risorse, quindi del potenziale, di cui l’impresa può disporre se, in modo responsabile e avveduto, coglie la criticità delle problematiche di salvaguardia ambientale. Ci si 13 La potenzialità, scrive Salvatore Vicari, non è una “semplice attualizzazione di un futuro previsto, è invece, un concetto ben più complesso: è la ridondanza delle risorse, è il potenziale accumulato per una molteplicità di situazioni, è la capacità di evolvere in un mondo di possibili”. Cfr. Vicari (1991), pag. 106.

Anteprima della Tesi di Daniela Ferrieri

Anteprima della tesi: La responsabilità ambientale e il bilancio sociale: l'esperienza del comparto chimico e petrolifero della provincia di Livorno, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Daniela Ferrieri Contatta »

Composta da 329 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4905 click dal 03/01/2005.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.