Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cercare e trovare informazioni in Rete. Architettura delle informazioni e narratività

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 mare e che ha dato luogo a una serie di metafore per descrivere le azioni più frequentemente compiute, quali il navigare. E’ stata proposta inoltre una nuova metodologia di analisi per i siti, basata sulla nozione di programma narrativo. La tradizionale assimilazione di internet a uno spazio liscio - seguendo la distinzione proposta da Gilles Deleuze tra spazi lisci e striati (Deleuze, Guattari, 1980) – viene a cadere quando si osserva più da vicino la natura delle pagine web in relazione al comportamento di un utente generico. Lo spazio liscio permette una navigazione libera e nomadica, paragonabile a quella che si compie nel deserto o sul mare (da qui la metafora); quello striato, invece, presenta percorsi prestabiliti, come in un’autostrada. Nel caso particolare della Rete non ci troviamo assolutamente di fronte ad un mare aperto, da navigare in ogni direzione e senza vincoli, come si era pensato ai suoi albori. Certamente la potenzialità del nuovo mezzo è proprio quella di estendere i confini dell’informazione distribuita, ma da un punto di vista più ravvicinato i siti sembrano avere forti personalità che intervengono in maniera abbastanza vincolante nell’indirizzare l’utente; hanno cioè percorsi obbligati e l’informazione su quei percorsi dovrebbe aiutare l’utente ad arrivare dove desidera. Non accade quasi mai all’utente di navigare tra i siti o tra le pagine di uno stesso sito senza subire l’influenza di dinamiche che provengono dall’esterno, da un soggetto-autore. I rari casi in cui questo sembra accadere sono quelli di strategie di marketing molto ben organizzate che agiscono sul cliente a un livello quasi subliminale: il navigatore percepisce di stare compiendo un percorso da lui stesso deciso, mentre in realtà è la struttura dei link che stabilisce quali sono i percorsi obbligati, quali pagine devono essere visionate e con quale ordine. Tutto ciò accade

Anteprima della Tesi di Marta Morini

Anteprima della tesi: Cercare e trovare informazioni in Rete. Architettura delle informazioni e narratività, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Marta Morini Contatta »

Composta da 206 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2040 click dal 07/01/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.