Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il meccanismo della rimozione nella vita psichica - Sue connessioni con la scissione nella psicoanalisi delle psicosi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 In un secondo periodo, comprendente le opere successive al 1900, il termine difesa si trova usato meno frequentemente da Freud, e conserva lo stesso significato generico, indicante una tendenza generale. Freud parla di “meccanismi di difesa”, di “lotta difensiva”, ecc. Quanto al termine rimozione, esso continua a connettere il massimo di specificità con il massimo di generalità, in quanto volto a designare “l’insieme delle tecniche difensive utilizzate per affrontare il conflitto psichico” (ivi, p. 548). Fondamentalmente, la nozione di rimozione conserva la stessa accezione di processo in cui un desiderio o una rappresentazione pulsionale sono respinti nell’inconscio, in quanto “…la sua essenza consiste semplicemente nell’espellere e nel tener lontano qualcosa dalla coscienza” (Freud, 1915, p. 55). Tuttavia la rimozione è talora considerata da Freud come “un meccanismo di difesa particolare o piuttosto come un destino pulsionale suscettibile di essere utilizzato come difesa” (Laplanche e Pontalis, 1967, tomo secondo, p. 549). Come processo difensivo essa svolge un ruolo prevalente nell’isteria, e, anche se essa non perde mai la sua accezione universale, rimane il fatto che essa costituisce comunque una specie di prototipo per altre operazioni difensive. Detto questo sarebbe erroneo considerare che “la rimozione sia descritta in varie nevrosi per inferirne che rimozione equivale ormai a difesa: essa è ritrovata in ogni affezione come una delle fasi dell’operazione difensiva, e ciò nella sua accezione ben precisa di rimozione nell’inconscio”(ivi, p. 549). Come abbiamo modo di notare, l’impossibilità di trovare una definizione univoca del termine rimozione, questo suo essere sempre al limite tra un meccanismo difensivo particolare e un processo psichico universale, ci porta ad una “confusione che non è allora soltanto

Anteprima della Tesi di Chiara Lukacs Arroyo

Anteprima della tesi: Il meccanismo della rimozione nella vita psichica - Sue connessioni con la scissione nella psicoanalisi delle psicosi, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Chiara Lukacs Arroyo Contatta »

Composta da 227 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13776 click dal 03/01/2005.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.