Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La morte come critica alla totalità: Franz Rosenzweig e Th. W. Adorno

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione 14 frammentarietà degli eventi storici possa essere colta con una definitiva ed esaustiva Weltaschauung 8 . Altro argomento di conversazione privilegiato con Rosenstock era la religione. Questi infatti, di origine ebraica, si convertì in quegli anni al cristianesimo, per motivi più esistenziali che intellettuali. Rosenzweig, che abbracciava allora una posizione relativista, secondo la quale esisteva un abisso tra mondo e fatti storici da una parte e rivelazione di Dio dall'altra, iniziò a vedere per la prima volta nella visione dell’amico la possibilitá di superare questa distanza tra le due dimensioni di mondo e rivelazione nel tessuto della propria vita concreta, al di là di ogni speculazione formale. 9 Dopo un colloquio a Lipsia con l'amico nel 1913, in cui abbandona le posizioni relativistiche e dopo tre mesi di incertezze in cui è sempre più deciso a convertirsi al Cristianesimo, attua un cambiamento di rotta, e sceglie di "rimanere ebreo". Scriverà infatti 8 L'idea di una storia delle idee che si coglie unicamente nelle singole personalità e collettività veniva sviluppata soprattutto in quegli anni da Meinecke in Weltbürgertum und Nationalstaat. 9 "Sono stato subito disarmato dalla semplice confessione di fede di Rosenstock che rappresentava il punto di partenza di tutte le sue argomentazioni - scriveva a Rudolf Ehrenberg il 31 ottobre ricordando la notte dell'intenso colloquio con l'amico -. Il fatto che un uomo come Rosenstock sia un cristiano convinto (nel mio caso queste cose sono ancora allo stato fluido di un problema) ha posto in crisi tutta la mia concezione del cristianesimo e della religione in generale. Pensavo di aver cristianizzato il mio punto di vista dell'ebraismo e invece avevo fatto l'opposto: avevo giudaizzato la mia visione del cristianesimo […]. Dovevo cominciare a costruire il mio mondo […], in questo mondo sembrava non ci fosse più posto per l'ebraismo." Cfr. Lettera a Rudolf Ehrenberg, 31 ottobre 1913, Briefe und Tagebücher, I, pp. 132-133.

Anteprima della Tesi di Marianna Rascente

Anteprima della tesi: La morte come critica alla totalità: Franz Rosenzweig e Th. W. Adorno, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Filosofia

Autore: Marianna Rascente Contatta »

Composta da 254 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2758 click dal 04/01/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.