Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La valutazione del personale degli Enti Locali - Il caso del Comune di Firenze

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La valutazione del personale degli Enti Locali – Il caso del Comune di Firenze 42 Ha piena consapevolezza del proprio ruolo e ricerca costantemente la qualità delle prestazioni rese, mantenendola a livelli elevati, e risultati migliori. 2. Iniziativa Capacità di influenzare attivamente gli eventi senza attendere che questi avvengano in maniera autonoma, agendo anche senza sollecitazioni esterne. Adotta comportamenti non propositivi, non reagendo neanche di fronte a sollecitazioni esterne. Reagisce alle situazioni di necessità solo su sollecitazioni. Intraprende spontaneamente azioni e/o propone soluzioni in situazioni di necessità. Influenza attivamente gli eventi anticipando i problemi. 3. Organizzazione del proprio lavoro Capacità di impiegare efficacemente i tempi e le altre risorse disponibili per eseguire compiti previsti, per raggiungere i risultati prefissati tenendo conto delle priorità. Manifesta difficoltà nell’organizzazione delle proprie attività. Riesce ad organizzarsi sufficientemente a fronte di flussi di lavoro regolari e quantitativamente contenuti. Ricerca frequentemente il supporto di superiori e di colleghi. Organizza in autonomia le attività assegnate in situazioni standard. Organizza efficacemente le proprie attività anche in presenza di situazioni impreviste. 4. Disponibilità ai rapporti con gli utenti Capacità di interagire con gli altri in modo costruttivo rispondendo positivamente, con il proprio atteggiamento, alle situazioni ed agli interlocutori. Dimostra scarsa propensione a comprendere le necessità degli altri e ad entrare in rapporto con loro. E’ disponibile nei confronti delle richieste altrui purché esse siano ben precisate, ma non sempre riesce ad entrare in rapporto con gli interlocutori. Interpreta correttamente le richieste e gli atteggiamenti dei propri interlocutori riuscendo a stabilire con loro relazioni positive. Entra sempre in comunicazione con gli interlocutori, ne comprende le esigenze, mettendo in atto comportamenti e relazioni appropriate. 5. Capacità di adattamento operativo Capacità di cogliere il mutare delle situazioni mostrandosi disponibile verso idee e proposte altrui, adeguando di conseguenza il proprio comportamento al fine di conseguire i risultati attesi o nuove opportunità. Dimostra difficoltà a lavorare con le altre persone e ad adattarsi ai cambiamenti. Presenta difficoltà a lavorare con altre persone e ad adattarsi ai cambiamenti. Accetta consigli per modificare il proprio approccio in varie situazioni. Sviluppa relazioni positive con i colleghi e riesce a conseguire i risultati attesi in contesti e/o situazioni variabili. Si comporta positivamente nei confronti dei cambiamenti, valorizzando gli elementi positivi e modificando di conseguenza il proprio comportamento al fine di conseguire i risultati attesi o di cogliere nuove opportunità. 6. Aggiornamento e sviluppo proprie competenze Capacità di applicarsi in maniera proficua utilizzando lo studio e l’esperienza per migliorare le proprie conoscenze e sviluppare le proprie competenze Manifesta disinteresse a cogliere le opportunità di arricchimento professionale e ne trae scarso profitto. Usa le proprie conoscenze come strumento di risoluzione dei problemi; coglie eventuali occasioni di miglioramento professionale ed è disposto a trasferire le proprie conoscenze solo se richiesto. E’ interessato ad ampliare ed approfondire le proprie conoscenze tecnico-professionali, cogliendo le opportunità di aggiornamento offerte. Mette sempre a disposizione degli altri le proprie conoscenze ed esperienze, ricerca e propone opportunità di miglioramento professionale per se e per gli altri. 7. Soluzione dei problemi Orientamento a ricercare risposte più adatte alle situazioni difficili, definendo o proponendo le alternative. Manca di una visione d’insieme e, di regola, affronta ciascun problema in maniera isolata rispetto al contesto in cui si colloca. Riesce ad affrontare un numero limitato di problemi, fornendo soluzioni adeguate, anche se non ottimali. Riesce ad affrontare con un sufficiente livello di approfondimento più problemi selezionandone gli elementi essenziali e individuando soluzioni operativamente utili. Pone in relazione tra loro diverse e complesse variabili con un elevato livello di approfondimento. Le soluzioni proposte ottimizzano i dati a disposizione in una visione d’insieme. 8. Predisposizione atti, documenti ed elaborati Capacità di realizzare atti, documenti ed elaborati. Predispone atti, documenti ed elaborati che spesso non sono corretti o sono poco chiari. Predispone atti, documenti ed elaborati discretamente comprensibili, anche se il tempo impiegato per la loro

Anteprima della Tesi di Matteo Calamassi

Anteprima della tesi: La valutazione del personale degli Enti Locali - Il caso del Comune di Firenze, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Matteo Calamassi Contatta »

Composta da 67 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13928 click dal 04/01/2005.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.