Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gianni Amico tra documentario e finzione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 idee, fa sempre bene quando le critiche o gli elogi arrivano da una direzione più neutrale, come può essere quella di un europeo rispetto a un sudamericano. E’ sicuramente anche un’occasione di rivalsa per un cinema che fino ad allora è sì elogiato nei confini nazionali, ma è soffocato dai confini geografici. Il festival è anche un momento di riflessione e di scambio di idee in quanto, per stessa ammissione dei registi sudamericani, questa è stata l’occasione per le varie cinematografie di incontri e scontri, scambi di idee sulla maniera di fare cinema, di concordare su intenzioni comuni, insomma dialogare, cosa che nel continente non succede, conflitti e orizzonti sono molto diversi. Invece al festival, costretti a coesistere nella stessa manifestazione, si rompono tante barriere di incomunicabilità, si alzano anche barriere di incomprensione o di intenti differenti, ma ci sono dialoghi, dibattiti, arringhe e difese, manifesti (Rocha: A estética da fome). E’ stata una manifestazione cui partecipano grandi registi, specialmente brasiliani, da Glauber Rocha a Nelson Pereira dos Santos, da Leopoldo Torres Nilsson a Paulo Cezar Saraceni, da Joaquim Pedro de Andrade a Tomás Gutierrez Alea; l’Europa cinematografica prende coscienza dei tanti problemi che i cineasti latino-americani devono affrontare per lavorare (problemi politici, economici, sociali, organizzativi), che cercano di superare per combattere la loro battaglia culturale. Alla vigilia della manifestazione del ’65 giunge da Roma un colonnello brasiliano che vuole annullare la prima retrospettiva del cinema novo della rassegna di Genova. Glauber Rocha durante le proiezioni incolla la bocca all’orecchio del colonnello, che alla fine autorizza la manifestazione, in quanto quei film fanno onore al paese.

Anteprima della Tesi di Gerardo Peccia

Anteprima della tesi: Gianni Amico tra documentario e finzione, Pagina 4

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Gerardo Peccia Contatta »

Composta da 65 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1441 click dal 10/01/2005.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.