Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il fenomeno sportivo nello Stato italiano tra la teoria pluralistico-ordinamentale e l'impostazione statualistica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 sportivo; attività non necessitata (che peraltro, può essere esercitata anche in via esclusiva e con remunerazione) e ricreativa, ma non determinata da intenti vacui, caratteristiche che la differenziano dal lavoro e dal giuoco; …attività che si pone in essere…, particolarmente al fine agonistico di primeggiare su antagonisti… nel corso di una competizione individuale o a squadre, da svolgersi, di regola, sotto la direzione e vigilanza di arbitri o giudici di gara, entro tempi e spazi definiti e secondo date regole…” 4 . Altri due giuristi, Inigo e Alberto Marani Toro, hanno condotto uno studio accurato sul fenomeno sportivo e sulla sua organizzazione; anch’essi sottolineano le caratteristiche essenziali idonee ad identificare l’attività sportiva e ricavabili sia dalla normazione che attraverso una ricostruzione storica degli istituti. Esse sono: il movimento, il giuoco, l’agonismo e l’istituzionalità. Il movimento sportivo consiste, secondo gli autori, in “un movimento del corpo volontario, caratterizzato dalla materialità o fisicità… in cui è presente la partecipazione fisica dell’uomo rispetto a quella spirituale” 5 ; il giuoco, inteso nel suo significato più ampio, equivale ad un impulso di libertà, senza un fine utilitaristico; l’agonismo è l’elemento più caratterizzante dello sport moderno ed esprime “il fine di ottenere in un determinato esercizio, un risultato migliore di quello dell’altro o degli altri competitori o di quello conseguito dal soggetto stesso in precedenza” 6 ; infine l’istituzionalità è data dall’insieme di norme che regolano il fine e le modalità dell’attività sportiva e da un “congegno organizzativo che assicuri il rispetto delle regole da parte dei competitori e consenta l’accertamento del risultato” 7 . 4 T. PERSEO, Analisi, cit., pag. 149. 5 I. e A. MARANI TORO, Gli ordinamenti sportivi, Giuffrè, Milano, 1977, pag. 53. 6 I. e A. MARANI TORO, Gli ordinamenti, cit., pag. 60. 7 I. e A. MARANI TORO, Gli ordinamenti, cit., pag. 60.

Anteprima della Tesi di Chiara Jannuzzi

Anteprima della tesi: Il fenomeno sportivo nello Stato italiano tra la teoria pluralistico-ordinamentale e l'impostazione statualistica, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Chiara Jannuzzi Contatta »

Composta da 319 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4015 click dal 10/01/2005.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.