Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dal divieto d'interposizione nella manodopera alla somministrazione di lavoro

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 è invece un’obbligazione di dare, cioè di mettere a disposizione del committente i lavoratori, che il secondo utilizzerà secondo le proprie esigenze. Il contratto fra committente ed interposto non integra, quindi, come potrebbe sembrare a prima vista a causa dell’esplicito riferimento contenuto nella norma, un’ipotesi di appalto, perché di quel contratto mancano in questo caso proprio i tratti caratterizzanti e cioè l’avere ad oggetto il compimento di un’opera o di un servizio con organizzazione dei mezzi necessari e gestione a proprio rischio da parte dell’appaltatore (art. 1655 c.c.). Risulta evidente anche perché la giurisprudenza incentri l’attenzione sugli elementi dell’organizzazione e del rischio in capo all’interposto: è il fare, proprio del contratto di appalto, che richiede un’organizzazione, non il dare del negozio di fornitura di manodopera. Nessun dubbio, invece, che la seconda parte della l. 1369/1960 presupponga un contratto di appalto tipico, disciplinato dal codice civile agli art. 1655 s.s. c.c., come del resto risulta evidente dalla lettera delle disposizioni 18 . I.5 Gli appalti interni ed esterni all’azienda All’originaria e ridotta disciplina contenuta nel codice civile a favore degli ausiliari dell’appaltatore (art. 1676 c.c.), si aggiunge così nel 1960 una più incisiva tutela degli appalti. La l. 1369 ha posto una distinzione tra gli appalti esterni all’impresa ed estranei al suo normale ciclo produttivo, regolati dal 18 Cfr. art. 3, co. 1°, l. 1369/1960: “gli imprenditori che appaltano opere e servizi…”. L’art. 5, l. 1369 costituisce poi una deroga all’art. 3 e, quindi, lo presuppone.

Anteprima della Tesi di Clara Rita Longo

Anteprima della tesi: Dal divieto d'interposizione nella manodopera alla somministrazione di lavoro, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Clara Rita Longo Contatta »

Composta da 179 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7037 click dal 10/01/2005.

 

Consultata integralmente 44 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.