Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Scorrimento viscoso e danneggiamento in compositi a matrice metallica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

SCORRIMENTO VISCOSO NEI METALLI 12 deformazione è praticamente corrispondente a quella totale quando si tratta di meccanismi che operano “in sequenza”. ¾ Meccanismi di tipo dislocazionale Sono di due tipi, scorrimento e salita di dislocazioni e danno luogo al cosiddetto dislocation creep. Scorrimento di dislocazioni (dislocation glide): il materiale é soggetto ad una sollecitazione molto inferiore a quella che provoca il collasso della struttura cristallina. Il conseguente moto delle dislocazioni, che può essere impedito da ostacoli quali bordi di grano o altre dislocazioni, porta ad una deformazione permanente. Lo scorrimento di dislocazioni si manifesta generalmente a temperature inferiori a 0.5T f e a sollecitazioni superiori a quelle di snervamento. La velocità di scorrimento è proporzionale alla forza per unità di lunghezza che agisce sulla linea di dislocazione secondo un coefficiente detto mobilità delle dislocazioni, a sua volta funzione della temperatura. Ne consegue la dipendenza della velocità di deformazione dalla terza potenza della sollecitazione applicata. Salita di dislocazioni (dislocation climb): questo movimento delle dislocazioni avviene a temperature più elevate rispetto a quelle che determinavano la “dislocation glide” e mediante la diffusione di vacanze verso il nucleo delle dislocazioni a spigolo, zona di massima sollecitazione. Come conseguenza gli atomi si spostano verso zone meno sollecitate ed il nucleo della dislocazione si “sposta” nel reticolo cristallino. La diffusione atomica, essenziale in questo meccanismo, può avere luogo sia all’interno del reticolo cristallino, sia lungo il nucleo delle dislocazioni originando così due diversi sotto-meccanismi. Questi due meccanismi di diffusione atomica, sono detti rispettivamente “high temperature climb” (salita ad alta temperatura) e “low temperature climb” (salita a bassa temperatura). Il primo avviene a temperature elevate >0.6T f e a basse sollecitazioni: sperimentalmente si é ottenuto un esponente ‘n’ della legge di potenza pari a 3 circa e la deformazione é controllata dalla diffusione nel reticolo (lattice diffusion controlled).

Anteprima della Tesi di Stefano Carlo Lessio

Anteprima della tesi: Scorrimento viscoso e danneggiamento in compositi a matrice metallica, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Stefano Carlo Lessio Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2847 click dal 12/01/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.