Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Scorrimento viscoso e danneggiamento in compositi a matrice metallica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 Capitolo 1 SCORRIMENTO VISCOSO NEI METALLI 1.1: INTRODUZIONE Questo fenomeno, di particolare interesse nell’impiego di materiali metallici alle alte temperature, é diventato sempre più studiato con l’aumento delle temperature di esercizio negli impieghi presenti nell’industria chimica, petrolchimica, aeronautica... L’industrializzazione e l’introduzione dei generatori di vapore, destinati ad operare per lungo tempo in condizioni di temperatura medio-alta, hanno messo in luce come nelle leghe metalliche è possibile avere deformazione plastica continuata sotto l’effetto combinato di elevata temperatura e sollecitazione, che può condurre i componenti a rottura in tempi finiti. Questo fenomeno, che viene generalmente chiamato scorrimento viscoso a caldo, o creep, ed assume importanza ingegneristica a temperature superiori a 0.4 volte quella assoluta di fusione della massa metallica, caratterizza la scelta dei materiali ed i criteri di progettazione dei componenti operanti in tali condizioni. Ad elevata temperatura il materiale può contemporaneamente essere soggetto anche ad altri fenomeni, sia di tipo meccanico (cioè legati ad uno stato di sollecitazione, come ad esempio la fatica), che chimico (ad esempio l’ossidazione) o microstrutturale (meccanismi di precipitazione, solubilizzazione di particelle presenti nella matrice). In generale la compresenza di tali fenomeni anticipa il cedimento finale dei componenti in esercizio. L’analisi dell’interazione tra scorrimento viscoso e fatica o corrosione non verrà presa in considerazione nel corso del presente lavoro; concentrandosi dunque sul solo scorrimento viscoso, ne verranno esaminati in seguito i principali aspetti fondamentali, considerando inoltre il possibile effetto di modificazioni microstrutturali

Anteprima della Tesi di Stefano Carlo Lessio

Anteprima della tesi: Scorrimento viscoso e danneggiamento in compositi a matrice metallica, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Stefano Carlo Lessio Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2847 click dal 12/01/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.