Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Scorrimento viscoso e danneggiamento in compositi a matrice metallica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

SCORRIMENTO VISCOSO NEI METALLI 9 scorrimento con, in abbinamento, un miglioramento del limite di sollecitazione a rottura a temperature elevate. Un altro fattore che influenza lo scorrimento viscoso é la dimensione del grano: la resistenza é maggiore per materiali a grano cristallino grosso. Si utilizzano quindi leghe per le quali la temperatura di esercizio è bassa rispetto a quella di fusione, rafforzandole mediante uno o più dei seguenti meccanismi microstrutturali: formazione di soluzione solide, presenza di carburi o altri precipitati, di ossidi refrattari o altre particelle insolubili. E’ necessario inoltre porre una particolare attenzione alla stabilità strutturale del materiale al fine di controllare le variazioni deleterie per la sua resistenza. A tale proposito sono state ricavate equazioni costitutive che esprimono legami tra sollecitazione, deformazione, temperatura, velocità di deformazione per i vari meccanismi di deformazione al creep, e questo ha portato ad un notevole sviluppo nello studio del fenomeno e nella ricerca di nuovi materiali. La scelta di un materiale, adatto al progetto che viene richiesto, costituisce un problema di complessa soluzione e pretende la conoscenza di svariati fattori, quali le condizioni operative e le proprietà dei diversi materiali. Tra le proprietà richieste ai materiali per impieghi alle alte temperature non si trova solo l’elevata resistenza al creep alle temperature di esercizio, ma sono da tenere presenti anche: ξ elevata resistenza alla fatica termica e meccanica; ξ elevata resistenza agli shock termici; ξ elevata stabilità strutturale (buone proprietà a rottura a lungo termine); ξ resistenza alla cavitazione e all’erosione; ξ resistenza alla corrosione a caldo e all’ossidazione; ξ facilità di produzione e saldabilità; ξ resistenza alla rottura a breve termine; ξ resistenza alle deformazioni; Per quanto riguarda le condizioni operative, bisogna tenere presente: ξ ciclo di temperatura in esercizio (variazione di T); ξ il carico di esercizio;

Anteprima della Tesi di Stefano Carlo Lessio

Anteprima della tesi: Scorrimento viscoso e danneggiamento in compositi a matrice metallica, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Stefano Carlo Lessio Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2847 click dal 12/01/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.