Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La crisi nel settore mondiale degli idrocarburi (il ruolo delle repubbliche caspiche nel mercato energetico internazionale)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 mento del “picco produttivo” 2 . Quanto temuto però non accadde, anche perché le principali compagnie petrolifere delle nazioni occidentali si lanciarono nella spasmo- dica ricerca di nuovi giacimenti sfruttabili. Il processo di penetrazione capillare del petrolio nel sistema energetico mondiale è iniziato negli anni Cinquanta, grazie all’attività delle “Sette Sorelle” 3 , ed è durato per tutto il cinquantennio che ci separa sino ai giorni nostri, resistendo anche al declino di quello che da molti è stato definito come uno tra i più importanti cartelli oligopoli- stici nella storia dell’ultimo secolo. Mezzo secolo di petrolio ha però portato mezzo secolo di crisi, se ne contano, infatti, almeno sette, connesse alle seguenti vicende storiche: la nazionalizzazione dell’Iran (1951-54), la Guerra di Suez (1956), la Guer- ra dei Sei Giorni (1967), la Guerra del Kippur (1973), la Rivoluzione in Iran (1978- 79), la Guerra Iran-Iraq (1980-81) e la Guerra del Golfo (1991). Dopo un cinquantennio di crisi ci s’interroga su quanto il sistema economico mon- diale sia dipendente dalla funzione petrolifera: in termini relativi il consumo di ener- gia da petrolio continua a pesare, e di molto, sul totale (circa il 40%), livello che si mantiene costante da circa un trentennio, ed in termini di mercato questo indica quindi una dipendenza assoluta dell’attuale sistema economico dal petrolio. La ricetta sul come potersi difendere da un rialzo del prezzo delle risorse energetiche, causate da un’eventuale (oggi come mai) esaurimento delle scorte di idrocarburi tra- dizionali, è un tema che, in ogni epoca, riveste un particolare interesse. 2 Il “picco produttivo” corrisponde al momento in cui è già stata estratta la metà delle riserve stimate di petrolio disponibili. 3 Con tale accezione s’intendevano le principali compagnie petrolifere che, tra il dopoguerra e la pri- ma crisi petrolifera, dominarono, tra sospetti di comportamenti oligopolistici, il mercato. Le compa- gnie in questione erano: ξ Standard Oil New Jersey (Exxon) – USA; ξ Shell Group (Shell) – Gran Bretagna e Olanda; ξ Anglo – Iranian Oil Company (British Petroleum – BP) – Gran Bretagna; ξ Gulf Oil (Gulf) – USA; ξ Texas Oil Company (Texaco) – USA; ξ Standard Oil of California – Socal (Chevron) – USA; ξ Socony Vacuum (Mobil) – USA.

Anteprima della Tesi di Simone Zanna

Anteprima della tesi: La crisi nel settore mondiale degli idrocarburi (il ruolo delle repubbliche caspiche nel mercato energetico internazionale), Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Simone Zanna Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1864 click dal 12/01/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.