Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Felicità e società nel pensiero di C.-A. Helvétius

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1. La sensibilità fisica come principio primo 3 de conduite, ecc.) dipendente dalla particolarità delle esperienze personali. Più in generale, quando Helvétius utilizza il termine ragione, intende riferirsi allo spirito nel suo aspetto teoreti- co, cioè come facoltà conoscitiva di tipo intellettuale (o razionale, appunto). Per quanto riguarda la funzione o l’attività specifica dello spirito, molto chiara è l’analisi compiuta nel De l’homme: Che cos’è lo spirito in sé stesso? L’attitudine a vedere le somiglianze e le differenze, le convenienze e le sconvenienze che hanno tra loro i diversi oggetti. Ma qual è nell’uomo il principio produttivo del suo spiri- to? La sua sensibilità fisica, la sua memoria, e soprattutto l’interesse che ha di combinare le sue sensazioni tra loro. Lo spirito non è dunque in sé che il risultato delle sue sensazioni comparate; e il buono spirito con- siste nella giustezza della loro comparazione 7 . Lo spirito è qui concepito come l’attitudine a cogliere le somiglianze e le differenze (e cioè le relazioni) che gli oggetti hanno tra di loro e con noi che li osserviamo. Tutte le operazioni dello spirito si riducono così all’osservazione (observation) 8 empirica di relazioni tra oggetti. Quest’attività consiste nella comparazione (comparaison) 9 tra gli stati differenti attraverso i qua- li lo spirito passa. Questi suoi modi d’essere non sono altro che le varie sensazioni (o impressio- ni) attuali che esso prova nel rapporto con gli oggetti esterni, o le idee, cioè il ricordo delle im- pressioni passate degli oggetti e dei loro reciproci rapporti. La comparazione viene quindi intesa come l’osservazione alternata e attenta dell’impressione differente che fanno sul soggetto gli og- getti esterni. Attenzione e memoria sono le componenti essenziali del processo conoscitivo, la prima rispetto alla sensazione presente, la seconda rispetto alla sensazione trascorsa. Significati- va è la sintesi esposta nel De l’homme: che cos’è comparare? È osservare alternativamente e con attenzione l’impressione differente che fanno su di me questi due oggetti presenti o assenti. Fatta questa osservazione, giudico, cioè rapporto esattamente l’impressione che ho ricevuto. […] L’operazione di comparare […] non è altro che rendersi attento alle im- pressioni differenti che eccitano in noi gli oggetti o attualmente sotto i nostri occhi o presenti alla nostra memoria 10 . Esiste una proporzionalità diretta tra l’estensione dello spirito e la quantità di conoscenze ac- quisite sui rapporti tra gli oggetti, ovvero di comparazioni osservate: quanto più estese sono le nostre conoscenze tanto più grande è lo spirito 11 . Helvétius individua la sensibilità fisica come la comune fonte di tutte le operazioni dello spi- rito. L’uomo stesso, nella sua interezza, si riduce a sensibilità: “la sensibilità fisica è l’uomo stes- so, e il principio di tutto ciò che egli è. […] Tutto ciò che non è sottomesso loro [ai sensi] è inac- cessibile al suo spirito” 12 . La sensibilità è poi definita come “la facoltà di ricevere le impressioni differenti che fanno su di noi gli oggetti esterni” 13 , cioè la facoltà di “sentire sensazioni”. Le sen- sazioni, a loro volta, restano da concepirsi lockianamente come prodotti di oggetti esterni allo 7 De l’homme, sez. II, cap. XV, pp. 47-48. 8 Cfr.: De l’esprit, disc. IV, cap. XIV, pp. 105-106. Cfr. anche: De l’homme, sez. X, cap. I, nt. a, p. 72. L’importanza dell’osservazione dei fatti è attestata, oltre che per la scienza, anche in ambito morale e politico, a di- mostrare la moderna mentalità scientifica di Helvétius: “i princìpi della morale e della politica, come tutti i princìpi delle altre scienze, devono stabilirsi su un gran numero di fatti e di osservazioni.” (Ivi, sez. II, cap. VIII, p. 232). Cfr. anche: Ivi, nt. 17, p. 151. 9 Cfr.: De l’esprit, disc. I, cap. I, pp. 210; De l’homme, sez. I, cap. VIII, nt. a, p. 56; sez. II, cap. III, p. 178; cap. XII, nt. a, p. 25. 10 Ivi, cap. IV, pp. 181-182+186. 11 Cfr.: De l’esprit, disc. I, cap. I, pp. 207 12 De l’homme, Concl. gén., p. 155. 13 De l’esprit, disc. I, cap. I, p. 190.

Anteprima della Tesi di Mauro Bassetto

Anteprima della tesi: Felicità e società nel pensiero di C.-A. Helvétius, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Mauro Bassetto Contatta »

Composta da 116 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1740 click dal 13/01/2005.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.